Sentenza Catanzaropoli-Multopoli, Lo Giudice: “Un incubo finito”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sentenza Catanzaropoli-Multopoli, Lo Giudice: “Un incubo finito”
Stefania Lo Giudice
  01 febbraio 2022 14:38

di STEFANIA LO GIUDICE

"L’incubo durato otto lunghi anni è finito: Assolta con formula piena, il fatto non sussiste.  Assoluzione che ha ristabilito finalmente la realtà dei fatti.

Banner

Un incubo iniziato con una gogna mediatica senza precedenti, durata a lungo ed accanita, direi violenta alla quale però non è stata contrapposta un’adeguata risposta da parte della politica.

Banner

Il dolore e la sofferenza patiti in questi anni sono stati tanto più grandi quanto più in me c’è stata la totale fiducia nella giustizia e la consapevolezza di aver agito, nel mio operato, sempre nell’interesse esclusivo dell’Amministrazione Comunale e dei cittadini catanzaresi con impegno ed entusiasmo. 

Banner

D’altro canto la storia politica della mia famiglia, iniziata negli anni Sessanta con mio zio Francesco Corsi e passando poi da mio padre e soprattutto da mia madre Ida Corsi, indica chiaramente che abbiamo sempre avuto come linea direttrice il bene della comunità e mai nessuna ombra ha offuscato la nostra azione politica.

Ringrazio particolarmente la mia famiglia per il sostegno amorevole e un pensiero speciale va a mio padre che è venuto a mancare improvvisamente dieci giorni prima della pronuncia della sentenza e quindi non ha potuto assistere al trionfo della verità.

Ringrazio di cuore il mio difensore, il professore Nunzio Raimondi per la magistrale e appassionata difesa delle mie ragioni. Un grazie sentito alle numerose persone, amici e conoscenti che non hanno mai dubitato di come realmente sono andate le cose dimostrandomi negli anni la loro vicinanza, l’affetto e la stima".

LEGGI ANCHE QUI: Catanzaropoli-Multopoli, la sentenza: 45 assoluzioni e 5 condanne (I NOMI)

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner