Sgominato gruppo criminale dedito alle rapine a Nicotera: tre arresti

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sgominato gruppo criminale dedito alle rapine a Nicotera: tre arresti

  06 maggio 2022 14:04

Questa mattina i Carabinieri della Compagnia di Tropea, coordinati dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia, diretta da Camillo Falvo, hanno dato esecuzione a un provvedimento cautelare in carcere nei confronti di tre soggetti rosarnesi sospettati di essere gli autori di 9 rapine a mano armata.

Le indagini hanno fatto luce su un gruppo criminale costituito da persone di Rosarno, una delle quali contigua alla locale struttura ndranghetistica, che agivano nel comprensorio nicoterese. Costoro, nel periodo tra marzo e novembre dell’anno 2020, utilizzando armi semiautomatiche e passamontagna, avevano messo a segno nove rapine aggravate, dando altresì dimostrazione di aggressività attraverso l’esplosione di colpi d’arma da fuoco.

Banner

Il gruppo selezionava le vittime attraverso uno studio degli spostamenti che quest’ultime effettuavano per ragioni lavorative tra Rosarno e Nicotera. Infatti, 8 delle 9 rapine sono risultate essere state operate ad autotrasportatori operanti nell’ambito della logistica e della fornitura di liquidi infiammabili i quali venivano bloccati lungo la strada e, dietro minaccia delle armi, erano costretti a consegnare il denaro trasportato.

Banner

In un singolo caso, invece, è stato colpito un gruppo di cacciatori a cui erano stati sottratti le armi per l’esercizio dell’attività venatoria.

Banner

 

L’attività investigativa, avviata all’indomani dei primi fatti - reato, ha consentito la rilettura organica di tutti gli eventi e attraverso la collaborazione delle vittime, il minuzioso incrocio di dati derivanti dal traffico telefonico e dei segnali gps, ha permesso di ricostruire gli spostamenti dei presunti colpevoli, di definire le loro modalità di azione e descriverne l’operatività.

I 3 soggetti, tutti pregiudicati per reati specifici, sono stati trasferiti in carcere.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner