Sicurezza a Lido, Riccio (Lega) si rivolge a Prefetto e Questore: "Aumentare i controlli"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sicurezza a Lido, Riccio (Lega) si rivolge a Prefetto e Questore: "Aumentare i controlli"
Eugenio Riccio
  06 luglio 2024 12:24

"I recenti fatti criminosi, avvenuti lo scorso fine settimana nel quartiere marinaro della città, hanno nuovamente creato allarmismo tra i cittadini e, soprattutto, tra teenager e genitori preoccupati per quanto avviene durante le notti dove vi è la "movida" della città." 

Lo sostiene Eugenio Riccio, capogruppo della Lega al Comune di Catanzaro, sensibilizzando le autorità preposte ad alzare l'attenzione sulla sicurezza nella Marina di Catanzaro incrementando servizi di Pubblica Sicurezza.

Banner

"Da amministratore della città - dice Eugenio Riccio - dovrei appellarmi all'assessore alla sicurezza che, a sua volta, dovrebbe rivolgersi per i tecnicismi da mettere in campo alle autorità preposte. Ma vista la totale inconsistenza politica e funzionale dimostrata in due anni dalla "manager della sicurezza", probabilmente in vacanza permanente a Caminia, mi trovo obbligato a rivolgermi direttamente e pubblicamente alle massime Autorità sul territorio in materia di sicurezza, quale il Prefetto ed il Questore, affinché possano valutare l'ipotesi di incrementare i servizi di controllo del territorio con delle mirate pattuglie appiedate di operatori delle Forze di Polizia".

Banner

"Chiediamo al Prefetto ed al Questore - continua il capogruppo della Lega a Palazzo de Nobili - di valutare questa ipotesi nel periodo estivo nel quartiere Lido,  pur consapevoli degli enormi sforzi già messi in campo dalle donne e dagli uomini dei Comparti Sicurezza e Difesa, per rendere maggiormente sicuri i luoghi divenuti ritrovi abituali dei ragazzi, ovvero, laddove si svolge la cosiddetta "movida". Tale operazione di potenziamento del controllo del territorio - conclude Riccio - è stata recentemente attuata in tutte le località a vocazione turistica del crotonese, come Le Castella, Isola Capo Rizzuto e lo stesso lungomare di Crotone, generando un consenso ,da parte della cittadinanza e della stessa politica bipartisan pitagorica, in quanto ritenuta essenziale per il contrasto alla "mala movida" ed una maggiore sicurezza dei cittadini".

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner