Sottratto il cartello della via intitolata a Emanuela Loi a Catanzaro: lo denunciano Siulp e Fsp. Lunedì prevista iniziativa per l'8 marzo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Sottratto il cartello della via intitolata a Emanuela Loi a Catanzaro:  lo denunciano Siulp e Fsp. Lunedì prevista iniziativa per l'8 marzo

  05 marzo 2021 19:27

Lunedì 8 marzo in occasione della festa della donna il Sindacati di Polizia Siulp ed Fsp della provincia di Catanzaro hanno organizzando una manifestazione denominata "Un fiore per Emanuela", per commemorare Emanuela Loi, agente della Polizia di Stato deceduta a Palermo in via D'Amelio il 19 luglio 1992, nonché porgere omaggio a tutte le donne della Polizia di Stato e delle altre forze di Polizia.

Nel fare un sopralluogo insieme al presidente del consiglio comunale di Catanzaro Marco Polimeni si è constato che il cartello che portava il nome della Martire della Polizia di Stato è stato sottratto e lasciato solo il palo.

Banner

 

Banner

"Veramente un insulto alla memoria di Emanuela ed un'offesa nei confronti dello Stato, - denunciano congiuntamente Giuseppe Brugnano e Gianfranco Morabito, rispettivamente Segretario Nazionale dell'Fsp e Segretario Provinciale del Siulp - Un gesto raccapricciante che condanniamo senza se e senza ma - dicono i rappresentanti dei sindacati di polizia - e, pertanto, saremo presenti lunedì mattina con maggiore senso di appartenenza allo Stato nel quartiere Germaneto della città di Catanzaro, un quartiere "difficile" per la presenza di cittadini di etnia rom nel quale vanno riportati i principi cardini della legalità e della giustizia".

Banner

Alla manifestazione di lunedì mattina sarà presente anche il Questore di Catanzaro Mario Finocchiaro e altri rappresentanti istituzionali del territorio. Sul posto, il presidente del consiglio comunale di Catanzaro, Marco Polimeni, è insorto: "L'amministrazione comunale si è immediatamente adoperata per ripristinare la segnaletica in quanto si ritiene necessario dare un segnale tempestivo relativamente alla memoria di Emanuela Loi, anche come esempio prioritario per le nuove generazioni e per una Calabria che ha bisogno di essere cambiata obbligatoriamente".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner