Soverato, gli anni '70 e l'emigrazione raccontati dallo scrittore Francesco Pileggi

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Soverato, gli anni '70 e l'emigrazione raccontati dallo scrittore Francesco Pileggi

“Quando mia madre indossò la maglietta di Franz Beckenbauer” presentato dalla libreria “Non ci resta che leggere”

  06 agosto 2022 12:05

“Quando mia madre indossò la maglietta di Franz Beckenbauer”. Soverato ha accolto con grande affetto l'autore del libro, Francesco Pileggi. Nei suggestivi vicoli della città turistica, la presentazione del romanzo edito da Rubbettino, su iniziativa della libreria “Non ci resta che leggere”. Sì, ancora loro, Eleonora Fossella e Maria Grazia Posca, le brave libraie che con merito, coraggio e capacità, animano con così grande entusiasmo l'estate culturale soveratese. Pileggi è stato introdotto dal giornalista Francesco Pungitore e dall'attrice teatrale Francesca De Nisi, riportando l'attualità del libro al grande tema dei calabresi migranti. Francesco Pileggi li racconta volgendo lo sguardo al passato, al 1973 per l'esattezza. In quel tempo colloca otto ragazzini su un albero di limoni. Uno spazio di innocenza e vita che diventa una finestra sul mondo, su quel mondo che viene attraversato dalla musica dei Pink Floyd, dal ricordo ancora forte della semifinale messicana del campionato del mondo di calcio tra Italia e Germania e dai tanti, grandi eventi della storia di quegli anni '70, a dir poco, indimenticabili. Dolce e amaro il quadro disegnato dall'autore che rivela, con il suo stile originalissimo, la sua matrice professionale di regista, sceneggiatore e film-maker. Una narrazione che non nasconde tracce autobiografiche, per come spiegato dai tre relatori nel corso della piacevole serata culturale, a Soverato.  

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner