Squillace, concorsi truccati al Comune e dimissioni forzate: in cinque rischiano il processo (I NOMI)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Squillace, concorsi truccati al Comune e dimissioni forzate: in cinque rischiano il processo (I NOMI)
Pasquale Muccari
  02 maggio 2022 18:03

 Il sindaco Pasquale Muccari,  Nicola Anania (classe 1956), gli ex assessori Francesco Caccia (1963) e Gregorio Talotta (1978), la segretaria comunale Giuseppina Ferrucci (1967). Sono i nomi di coloro che rischiano il processo nell'ambito di un processo su preseunti concorsi truccati e dimissioni forzate. Costringerlo a dimettersi dal Consiglio comunale perché non in regola con il pagamento dei tributi e perché non era più gradito: questo il presunto piano del sindaco di Squillace, Pasquale Muccari, con l'accusa di concussione per aver indotto Mauro Ruggero, nel 2015, a lasciare la carica di consigliere comunale. Circostanza che però non si è verificata per il rifiuto di Ruggero e per ragioni indipendenti dalla volontà di Muccari.

La pm Graziella Viscomi ha chiesto il processo e l'udienza preliminare si terrà il prossimo 9 giugno 2022. In quella sede gli indagati potranno difendersi e ribattere al gup le loro ragioni e teorie opposte rispetto a quanto argomentato finora in fase di indagini.   

Secondo quanto riportato nelle carte, il sindaco, in concorso con Caccia, Ferrucci e Talotta, avrebbe consentito la vittoria di un concorso presso il Comune di Squillace a Talotta, inducendo a rinunciare ad un altro soggetto (ora deceduto) che avrebbe avuto i titoli per ottenere l'incarico. Centrale anche la figura di Caccia, che avrebbe goduto della vittoria da parte di Talotta in quanto sarebbe succeduto nel ruolo di assessore al Comune di Squillace. Situazione che poi si verifica a settembre del 2017, quando Talotta viene assunto e il giorno successivo Caccia entra in giunta.  Nella stessa vicenda è indagata anche la segretaria comunale, Giuseppina Ferrucci, la quale avrebbe convinto il probabile vincitore del concorso a rinunciare alla fase finale del colloquio per far vincere Talotta. Sono accusati di corruzione in atti giudiziari. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner