Squillace, lo strano caso del cavalcavia chiuso e “rinnegato” da Comune e Provincia: dubbi sul collaudo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Squillace, lo strano caso del cavalcavia chiuso e “rinnegato” da Comune e Provincia: dubbi sul collaudo
Cavalcavia Squillace Lido

Il cavalcavia che collega Squillace Lido e Copanello all'ex statale 106 è stato chiuso per gravi rischi il 30 settembre. Sia il Comune di Squillace che la Provincia di Catanzaro ne disconoscono la competenza. Intanto nessuna traccia dei documenti di collaudo

  02 ottobre 2021 14:17

di PAOLO CRISTOFARO

Un cavalcavia di tutti e di nessuno. In migliaia gli automobilisti che, specialmente nella stagione estiva, lo hanno attraversato per raggiungere le zone balneari di Squillace Lido e Copanello. Tutti ignari di transitare su un'infrastruttura con rischi strutturali gravi. Un cavalcavia con circa 10 anni di vita, ma che sin dall'inizio presentava evidenti problemi strutturali, con un avvallamento al centro piuttosto preoccupante. Sia il Comune di Squillace che la Provincia di Catanzaro ne disconoscono la competenza, seppure proprio il medesimo Comune ne abbia ordinato la chiusura pochi giorni fa, il 30 di settembre. Un atto fatto, sicuramente, nonostante i dubbi sulla competenza, per evitare eventuali responsabilità in caso di incidenti, seppure l'amministrazione continui a disconoscerlo come proprio.

Banner

Percorrendolo, a parte l'erba (più volte segnalata) fino al centro della carreggiata, si notano immediatamente strane forme del manto stradale, con un avvallamento più o meno a metà e poi un dosso poco più avanti, del tutto innaturale. A preoccupare, in particolare, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe il pilastro centrale della struttura, preesistente rispetto ai lavori di ultimazione del cavalcavia effettuati circa un decennio fa. Ma non è tutto. Non si sa tutt'oggi se i documenti relativi al collaudo siano reperibili o siano mai esistiti.

Banner

Attualmente questi documenti tecnici non sono risultati disponibili. Il dubbio, che già aleggiava da tempo intorno alla struttura, è che sia addirittura mancato un collaudo definitivo. Dubbio che potrà essere smentito soltanto dall'amministrazione competente, a patto che prima si riesca a capire di quale amministrazione si tratti

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner