Squillace. Parte "In-ruins 2021", il progetto per valorizzare il patrimonio archeologico del Mediterraneo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Squillace. Parte "In-ruins 2021", il progetto per  valorizzare il patrimonio archeologico del Mediterraneo
Castello di Squillace
  26 luglio 2021 17:53

Open studio primo ciclo di residenze: Anna Ill e Itamar, domani alle ore 19:00, Castello di Squillace, Chiesetta Gotica e Palazzo Pepe. In-ruins residency 2021 e` un progetto a cura di Maria Luigia Gioffre`, Nicola Guastamacchia, Nicola Nitido e Dobroslawa Nowak.Come puo` l’arte contemporanea riscattare e riscoprire il ricco patrimonio archeologico che si e` stratificato, nei millenni, nelle terre del celebre comune di Squillace, che da` il nome al golfo su cui si affaccia, cuore del Mediterraneo e del mar Ionio? A rispondere Itamar Gov (Israele) e Anna Ill (Spagna), i primi due ospiti internazionali selezionati per la seconda edizione della residenza artistica In-ruins, che durera` fino al 5 agosto a seguire con gli artisti Emii Alrai (Regno Unito) e Martyna Benedyka (Polonia), e con la sezione progetti speciali che vede il duo italiano Ceresoli Cosco, artisti attivi sul territorio e con origine locale.

Come percorso di ricerca, In-ruins si propone di ripensare e valorizzare il patrimonio archeologico del Mediterraneo attraverso l’arte contemporanea. “Le rovine del tempo” scrive nel 1800 William Blake, “costruiscono dimore nell'eternita`.” Luoghi altrimenti immobili e soffocati dalla loro stessa storia, divengono pretesti per esperienze vive di convivenza, condivisione di spazi e generazione di processi artistici radicati nel presente. Per la durata di dieci giorni, Anna Ill e Itamar Gov, hanno aperto e scoperto la storia e il borgo di Squillace, lavorando site-specific e attingendo a piu` locations, tra queste: Castello Normanno di Squillace, Chiesetta Gotica e Palazzo Pepe.

Banner

Nella ricerca svolta da Itamar Gov, artista israeliano a Berlino, si intersecano rito, cultura e territorio. Durante la sua permanenza in Calabria, l’artista pone l’attenzione sul fenomeno della selezione del miglior cedro, pratica millennaria eseguita da rabbini che ogni anno nel mese di settembre giungono presso la localita` di Santa Maria del Cedro (Cosenza). E’ cosi` che decide di assembrare in un’unica installazione tutti quei cedri, per cosi dire, imperfetti, ovvero non selezionati come adatti nel rito rabbino. Di diversa natura e` l’approccio di Anna Ill che, confrontandosi con l’impossibilita` di lavorare a diretto contatto con le finestre del Castello Normanno di Squillace, ha dapprima misurato le dimensioni delle stesse utilizzando come misura di riferimento il proprio corpo, e successivamente deciso di realizzare una rivisitazione tessile di queste monumentali aperture, installata in prossimita` di un antico emblema legato alla storia nobiliare di Squillace e che da secoli recita ‘Noli Me tangere’.

Banner

BIO ARTISTI: Itamar Gov (*1989) è un artista multidisciplinare e curatore. A partire dal 2010 ha vissuto tra Berlino, Parigi e Bologna, dove ha studiato cinema, storia e letteratura. Indirizzando la tematica dell’intricata relazione tra storia, ideologia ed estetica, la sua pratica si focalizza su installazioni scultoree affiancate da lavori video e grafici, ruotando attorno a varie forme di memoria personale, collettiva e istituzionale. Membro del team curatoriale di documenta 14 (Kassel, Atene), Haus der Kulturen der Welt
(Berlino) e Fondazione Adolfo Pini (Milano), negli ultimi anni è stato coinvolto in numerose iniziative legate ad arte, cinema, mostre, festivals, workshops e pubblicazioni.

Banner

Anna III si laurea in Arte Tessile presso Escola Massana Barcelona e consegue il Master in Art and Space presso Kingston University London. Nel 2015 è selezionata per JCE Biennale 2015-17 ed è beneficiaria dei fondi del programma di residenza presso Le Beffroi de Montrouge a Parigi.

Nel 2018 fa parte del Sala Parès Prize under 35 a Barcellona e della XXI Biennal Contemporary Catalan Art. Nel 2019, è beneficiaria del programma di residenza presso Jiser in Tunisia. Nel 2020 vince il Sala Art Jove Prize (Barcellona) e Inund’art (primo premio Artpetot) con mostre in Francia e Spagna. A partire dal 2018 lavori sono presenti nella collezione di Sabadell Bank. Nel 2021 il suo lavoro è stato selezionato per Video Art Program Ten Little Indians organizzato da MLAC e KHlab (Italia), Virtual Art Residency (Svezia), Platform centre for photographic + Digital Arts (Canada), MAWA (Canada) and Jiser (Barcelona). Sempre nel 2021, Anna Ill è tra gli spanish artists per Vila Casas Sculpture Prize 2021. La residenza In-ruins 2021 e` realizzata con il sostegno di Regione Calabria, I Giardini di Hera e Fondazione Armonie d’Arte. Si ringraziano inoltre Pro Loco Squillace e il Comune di Squillace.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner