Squillace. Zofrea e Mesoraca: “Grave andare in consiglio senza prima chiarire la vicenda giudiziaria di Muccari”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Squillace. Zofrea e Mesoraca: “Grave andare in consiglio senza prima chiarire la vicenda giudiziaria di Muccari”
Oldani Mesoraca ed Enzo Zofrea

I consiglieri comunali di opposizione della lista civica "Tuttinsieme per Squillace" stigmatizzano il comportamento del presidente del consiglio comunale Mercurio

  02 dicembre 2021 08:21

di MASSIMO PINNA

“Restiamo stupiti ed increduli di fronte alla superficialità ed all’arroganza con cui il presidente Mercurio ha convocato il Consiglio comunale di Squillace per discutere un ordine del giorno, che nulla ha a che vedere con la nostra richiesta di un Consiglio straordinario, inviata con Pec il 19 novembre scorso”.

Banner

Oldani Mesoraca e Vincenzo Zofrea, consiglieri comunali di opposizione della lista civica "Tuttinsieme per Squillace", intervengono duramente dopo che la recente convocazione di un consiglio comunale prima del chiarimento chiesto sulla vicenda giudiziaria di Squillace.

Banner

“Una convocazione e riunione che è “tenuto” a fare entro venti giorni dall’istanza – denunciano - così come prevede anche l’art. 39 del D.lgs. n. 267/2000, sull’argomento da noi indicato, ossia la discussione sugli avvisi di garanzia ricevuti dal sindaco Muccari, dall’assessore Caccia e dalla Segreteria Ferrucci”.

Banner

“Ma – aggiungono - come spesso accade, Mercurio ha dimenticato il ruolo che dovrebbe ricoprire di Organo indipendente e di imparzialità. Per questo, noi stessi, al momento della sua elezione, non abbiamo espresso il voto contrario”.

Insomma, “è un fatto grave, sia dal punto di vista politico e sia e dal punto di vista etico, che si siano svolti questi lavori consiliari prima del Consiglio straordinario, così come da noi richiesto, in cui, chi di dovere, deve informare i cittadini – concludono - per i fatti che vedono protagonisti i vertici politici ed amministrativi del nostro Comune”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner