Stalettì, nel convento di S. Gregorio affreschi e opere d'arte in preda all'incuria (FOTO)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Stalettì, nel convento di S. Gregorio affreschi e opere d'arte in preda all'incuria (FOTO)

  15 gennaio 2022 09:49

di GIANPIERO TAVERNITI

In provincia di Catanzaro, nel centro di Stalettì, piccolo centro che domina dall’alto, uno dei tratti di costa turisticamente e naturalisticamente più importanti della Calabria, troviamo il convento di S.Gregorio, stesso Santo Patrono della cittadina .Da diverso tempo, come in Stalettì, come in altri centri della Calabria, si denota un certo deterioramento di alcune opere d’arte, di affreschi, di chiese che di certo non aiuta all’incremento del valore del patrimonio artistico culturale della nostra terra.

Banner

Banner

In passato, in sinergia con il giornalista Salvatore Condito, avevamo sollevato lo stato di abbandono della chiesa dell’Immacolata, chiesa adiacente a quella del SS.mo Rosario, componenti storico artistici e religiosi che compongono quel tris d’eccezione che la cittadina detiene. Purtroppo, anche il convento di S. Gregorio, evidenzia importanti e preoccupanti scrostamenti agli affreschi della cupola, evidente  è quello che interessa quello di S. Chiara. Necessiterebbe perciò un focus attento ed eventualmente un intervento di restauro. Il convento fu costruito intorno al X secolo, risale ai primi periodi d’insediamento dei frati di culto bizantino, stesso luogo che custodisce le Sacre Spoglie del Santo Traumaturgo.

Banner

Struttura che nel trascorso dei secoli, subì seri danneggiamenti, ma sempre fu ricostruita e restaurata, subendo influenze artistiche e architettoniche dei periodi, infatti marcate  sono le tracce tarde barocche, negli archi, nelle lesene delle pareti, nelle arcate cieche e nella graziosa cupola, dove spiccano diversi affreschi raffiguranti episodi evangelici. Proprio gli stessi denotano criticità, con degli evidenti scrostamenti, con  deterioramento della colorazione, di sicuro dovuti alla loro età, ma di certo ad umidità da corpi freddi ed a possibili infiltrazioni nella parte soprastante.

Un vero peccato, non dedicare la dovuta cura alle nostre ricchezze artistiche, tesori di questo importante luogo di culto, patrimonio non solo di Stalettì o della Calabria, ma anche della nostra Italia che sempre più si fregia della volontà di conservarli e tutelarli, ma che a volte per la dilagante burocrazia, non riesce a farlo come si converrebbe. Da cittadini attivi , appassionati d’arte , in sinergia con il giornalista Salvatore Condito, vorremmo porre all’attenzione del Sindaco Alfonso Mercurio, al neo Vescovo della Diocesi di Catanzaro Squillace, Mons. Claudio Maniago ed al Padre Provinciale dei Frati Minori, affinchè si possa attivare quella sinergia istituzionale arricchente verso il patrimonio artistico, culturale e religioso  che nel corso dei secoli abbiamo avuto la fortuna e l’onore di averlo in “dote” e da cittadini attivi ed istituzioni ne avremmo l’onere di conservarlo e tutelarlo sempre.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner