Strage di Cutro, lo scafista inchiodato dalla testimonianza di un superstite: "Ha fatto schiantare la barca"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Strage di Cutro, lo scafista inchiodato dalla testimonianza di un superstite: "Ha fatto schiantare la barca"

  07 dicembre 2023 17:33

Si chiama Mohamed Abdessalem, siriano di 26 anni, e su di lui grava la responsabilità maggiore del naufragio di migranti avvenuto a Cutro all'alba del 26 febbraio scorso che ha provocato la morte di 94 persone.

E' quanto hanno ricostruito investigatori della squadra Mobile e i militari della sezione navale della Guardia di finanza di Crotone che questa mattina hanno notificato al siriano un'ordinanza di custodia cautelare in carcere bella casa circondariale di Lecce dov'era già detenuto per altra causa.

Banner

Ad inchiodarlo è soprattutto la testimonianza di un superstite del naufragio, Firas Algazi, 40enne, siriano come lui, che agli investigatori ha dichiarato: “la colpa di tutto è stata la sua, perché era lui che era al timone della barca ed ha accelerato con la barca che poi si è schiantata. Quando la barca stava affondando lui è scappato insieme agli altri due turchi. Il siriano era quello che dava ordini anche agli altri capitani ed era quello che seguiva la rotta sul tablet. Aggiungo che organizza i viaggi con suo padre perché quando la prima barca si è rotta ha chiamato suo padre per farsi mandare un’altra barca. So che il padre si trova a Izmir perché, quando la prima barca si è rotta, io ho ascoltato la telefonata ed il padre di Mohamed gli ha detto che gli avrebbe mandato qualcuno ad aggiustare la barca oppure un’altra barca. Non so dirvi il nome del padre perché al telefono lo chiamava semplicemente papà”

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner