Successo per il primo martedì di PRO.S.A al Politeama di Catanzaro con l'omaggio a Dalla

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Successo per il primo martedì di PRO.S.A al Politeama di Catanzaro con l'omaggio a Dalla

  20 marzo 2024 14:51

di MARIA PRIMERANO

Serata amarcord ieri sera al Politeama. E’ di scena Aspettiamo senza avere paura, domani. Intorno a Lucio Dalla. 

Banner

Inserito tra gli appuntamenti del progetto PRO.S.A., e prodotto da Scena Verticale,  lo spettacolo è  un omaggio a Lucio Dalla, ideato e scritto da Daniele Moraca, Dario De Luca e Sasà Calabrese.

Banner

Banner

Una forma di teatro - canzone dove Dario De Luca è voce narrante, e Sasà Calabrese e Daniele Moraca i cantanti, accompagnati dalla band composta da Francesco Montebello, Roberto Risorto e Roberto Musolino. Un’ora e passa di musica e parole per raccontare di Lucio Dalla, della sua vita, dei suoi testi, delle sue aspirazioni, dei suoi incontri, desideri, propositi, battute bizzarre, comportamenti stravaganti, azioni. Tra spezzoni di filmati ormai epocali il mito di Lucio rivive, ritornano i suoi versi, le sue melodie, le sue parole.

Ritornano allora Anna e Marco, Futura, Come è profondo il mare, La sera dei miracoli, Chissà se lo sai, Ma come fanno i marinai, La casa in riva al mare. Ma c’è posto anche per Disperato erotico, in cui Dario De Luca è attore eloquente che, sornione, mima velatamente e garbatamente le bizzarrie del testo di Dalla, e poi ancora ecco Se io fossi un angelo, Caruso, Piazza grande …

Una forma di spettacolo intima, nostalgica, garbata, come se quattro amici decidono di incontrarsi una sera al bar per celebrare l’assenza di chi non c’è più ma che ha lasciato indelebile la sua traccia. Ad aggiungersi ai suddetti c’è anche Marcello Balestra, collaboratore per anni di Dalla, che ha ricordato in modo commovente l’artista raccontando qualche aneddoto e proponendosi in qualche stralcio di canzone. Un omaggio riuscito, dunque, tenero e amabile, tra musica e parole, al compianto cantautore bolognese.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner