Tallini: "Mai appoggiato Fiorita e dopo il voto non lo ho né incontrato né sentito al telefono sul Comune"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Tallini: "Mai appoggiato Fiorita e dopo il voto non lo ho né incontrato né sentito al telefono sul Comune"
Mimmo Tallini
  20 agosto 2022 20:02

"Con riferimento ad un articolo apparso sulla stampa e firmato “i partiti del centrodestra al comune di Catanzaro, per onore della verità si precisa quanto segue: nella fase di costruzione della coalizione il candidato a sindaco del centrodestra, il PDino Valerio Donato, individuato a tale ruolo dai partiti e dai movimenti della stessa coalizione, in occasione della prima conferenza stampa in pubblico al Supercinema dichiarava che tutti potevano aspirare a far parte della coalizione sua  tranne Abramo e Tallini". Così, Domenico Tallini Responsabile Regionale Enti locali Noi con l’Italia, replicando a una nota del centrodestra di Catanzaro.

"Solo allora -prosegue-, assieme ad Antonello Talerico, al quale e’ stato posto il veto per una candidatura a sindaco  nel centrodestra, decidemmo di dar vita ad una coalizione che non avemmo remore a definire di centrodestra, soprattutto perché l’avv Talerico era stato candidato con Forza Italia e ne fosse anche tesserato. Noi con l’Italia aderì ad un cartello di sei liste civiche che sostennero la candidatura dell’avv Antonello Talerico. Dopo il primo turno, pur essendo stati critici nei confronti di tutti coloro che avevano sostenuto l’anomalia di una coalizione di centrodestra e un candidato a sindaco del Pd, finì che al primo turno il candidato Donato ebbe circa nove punti in meno delle sue liste".

Banner

"Con comunicato ufficiale,  del sottoscritto ,inviato a tutti i candidati, fu deciso di lasciare libertà di voto agli elettori che avevano votato la lista di Noi Con L'Italia di Maurizio Lupi. Pertanto e’ assolutamente falso quanto sostenuto dal centrodestra che Noi con l’Italia si sia schierata a favore  del candidato Fiorita. Il comunicato ufficiale diffuso attraverso la stampa e’ un atto inoppugnabile che nessun partito di centrodestra puo’mettere in discussione.Nel dopo elezioni, il sottoscritto non ha mai incontrato il Sindaco Fiorita ne’ lo ha mai sentito per telefono per questioni che riguardano il Comune di Catanzaro. Noi con l’Italia non ha mai partecipato ad incontri con la coalizione di Centrosinistra per definire assetti e ruoli nella nuova amministrazione Fiorita. Altra cosa  e’ stata la posizione del candidato a Sindaco Talerico, che differenziandosi dal nostro partito, decise di appoggiare Fiorita al ballottaggio e di entrare in Giunta con un proprio tecnico. E’ vero invece che noi con l’Italia ha auspicato che finisse prima possibile lo stallo del consiglio comunale dove il centrodestra  pur avendo i numeri (20)non e’ riuscito a far eleggere un proprio rappresentante alla carica della massima assise comunale. La posizione di Noi con l’Italia in questa circostanza e’ stata utile e decisiva per eleggere presidente e vicepresidente contribuendo a far uscire il consiglio comunale dall’empasse, ovviamente contro la volontà dei consiglieri-reduci dello schieramento del centrodestra sconfitto al ballottaggio".

Banner

"Per cui smentisco nella maniera più assoluta che Noi con l’Italia abbia ufficialmente o formalmente sostenuto al ballottaggio Nicola Fiorita, certamente l’ordine di scuderia non poteva diventare una imposizione per nessuno, e visto il largo consenso ottenuto da Fiorita al ballottaggio, riteniamo a nostro modesto avviso che molti nostri elettori e moltissimi elettori della coalizione del centro destra, trovandosi a decidere tra due esponenti del Pd, abbiano votato secondo il criterio del meno peggio. Tutto ciò grazie alla insipienza della classe dirigente del Centrodestra regionale che ha svenduto, o sarebbe meglio dire rinnegato,la propria storia politica e in molti casi una buona politica  nella città capoluogo e nella sua provincia. Ai partiti del centrodestra dico che solo partendo da una seria e onesta analisi politica degli errori commessi si potrà  rifondare il centrodestra nella città di Catanzaro e nella sua provincia. Ripartendo dai partiti, e non dal civismo strumento agevole per la pratica squallida di un trasformismo becero che tanto danno ha arrecato alla politica e alla immagine del consiglio comunale".

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner