Ticket resturant al personale sprovvisto di Green Pass, il Cosap scrive al capo della Polizia: "Ingiusta mortificazione per i nostri uomini che ne sono sprovvisti"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Ticket resturant al personale sprovvisto di Green Pass, il Cosap scrive al capo della Polizia: "Ingiusta mortificazione per i nostri uomini che ne sono sprovvisti"
Icona Green pass
  19 agosto 2021 11:07

La segreteria nazionale del Cosap scrive al Capo della polizia Lamberto Giannini in merito al Decreto Legge n. 105 del 23 luglio 2021 “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed economiche”. Attribuzione ticket resturant al personale sprovvisto di Green Pass.

La lettera: 

Banner

"La scrivente O.S. COSAP , alla luce della recente disposizione della Segreteria del Dipartimento della Pubblica Sicurezza (555/I-DOC/Area I/C/DIPPS/FUN/CTR/3827-21 datata 14 agosto 2021), che disponeva: “ …con decorrenza immediata… che la consumazione del pasto all’interno delle mense di servizio dovrà essere consentita solo a coloro che sono in possesso delle certificazioni verdi Covid-19”, sta assistendo ad una triste ed ingiusta mortificazione degli uomini e donne della Polizia di Stato privi del celeberrimo “Green Pass”.

Banner

Sono ormai virali le immagini che ritraggono colleghi costretti a consumare i pasti in piedi o arrangiandosi con mezzi di fortuna su scalinate o altro. Sono giunte a questa Segreteria Nazionale anche le immagini di tendoni attrezzati all’aperto con sedie così come avviene all’interno del Polifunzionale di Bari ma, anche questa “soluzione” non può ritenersi la panacea in quanto discrimina il personale in base al possesso o meno del citato pass e non da meno espone il personale a consumare i pasti sotto le intemperie ad oggi
solitamente rappresentate dal torrido caldo estivo.

Banner

Siamo fortemente convinti che TUTTI i colleghi abbiano il diritto a ricevere un pasto in un ambiente decoroso e confortevole senza distinzione alcuna. Riteniamo indecoroso tutto cio’ anche in virtù dell’innegabile fatto che i colleghi muniti o meno del salvifico pass comunque lavoreranno insieme per ore e turni interi. E’ opportuno ricordare che, limitatamente ai soggiornanti, i servizi di bar e di ristorazione
interni ad alberghi o strutture ricettive non prevedono il Green Pass per potervi accedere; stesso dicasi per oratori e luoghi di culto.

Modalità che prevedano la somministrazione di pasti da asporto devono essere attuate in casi particolari e normati che rappresentano l’eccezionalità; pertanto sosteniamo come unica modalità alternativa al pasto fruito in mensa l’attribuzione del ticket restutant, senza eccezione alcuna.

Ill.mo Capo della Polizia, la O.S. COSAP Le chiede con sollecitudine di diramare apposite indicazioni mirate all’attribuzione del ticket resturant per tutto il personale sprovvisto del Green Pass ove non siano stati attrezzati luoghi idonei ed accoglienti per la consumazione dei pasti evitando qualsivoglia discriminazione e ridando dignità a quei poliziotti che oggi possono sentirsi ingiustamente emarginati.
Sicuri di aver portato alla sua illustre attenzione una delicata tematica, si porgono deferenti
saluti".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner