Trent'anni dalla morte di Paolo  Borsellino, il ricordo di don Roberto Corapi: "No al sistema mafioso che è cultura di morte"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Trent'anni dalla morte di Paolo  Borsellino, il ricordo di don Roberto Corapi: "No al sistema mafioso che è cultura di morte"

  19 luglio 2022 10:15

"Bisogna educare le coscienze fin da piccoli, educare alla legalità, mai più crimini come questi, mai morte. 
No alla cultura di morte". Così il parroco di Amaroni Don Roberto Corapi si rivolge a tutti in questo giorno di preghiera ma anche di memoria al grande giudice Paolo borsellino trucidato dalla mafia perché ha fatto il suo dovere, per amore della giustizia per aver detto di no alla cultura mafiosa e al sistema che ancora oggi persiste ed è lì in agguato.

Don Roberto Si rivolge a tutti "in questo giorno di preghiera e dice :mai più crimini di mafia, no alla cultura di morte, sì alla vita. Bisogna educare alla legalità fin da piccoli, promuovere la cultura della giustizia e della legalità nelle scuole. Bisogna partire da loro, bisogna chiamare le cose per nome, il peccato è peccato il male è male, la vita è vita la morte è morte. Questa giornata vuole essere per tutti noi una giornata di preghiera. La preghiera che sale a Dio per quest'anima benedetta, Paolo Borsellino che rimarrà vivo nel cuore di ciascuno di noi".

Banner

"Si alla giustizia per vivere una vita autenticamente cristiana. Oggi il mondo ha preferito la cultura della morte, oggi si assiste ad un crollo morale di valori a 360°. Questa giornata vuole essere per noi un momento particolare di ricordo per rendere vivo Paolo Borsellino ai suoi ideali alla giustizia, l'amore per il proprio lavoro, l'amore per la vita e per la verità. Dobbiamo essere uomini liberi da tutti i sistemi mafiosi, liberi di amare Dio è il prossimo, liberi di essere cristiani che amano e mettono in pratica il Vangelo. Paolo Borsellino - conclude - è un esempio per ciascuno di noi per ogni uomo e per ogni tempo che vuole vivere nella verità. Oggi  in questo giorno di memoria dobbiamo tutti noi dire di no alla cultura mafiosa, no alla bugia e al peccato, sì alla vita e alla giustizia, sì al Vangelo, sì al proprio ideale, sì a Dio nostro che ci ama di amore infinito e che guida la storia di ciascuno di noi".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner