Turismo ed elezioni, la ricetta di Vito Bordino: “Aumentare le competenze specifiche”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Turismo ed elezioni, la ricetta di Vito Bordino: “Aumentare le competenze specifiche”
Vito Bordino

Il contributo di Vito Bordino al dibattito/confronto che precede le imminenti elezioni regionali

  28 agosto 2021 07:15

di VITO BORDINO

La peculiarità del territorio calabrese ha nel turismo una delle maggiori risorse per programmare, dandogli finalmente concretezza, un serio progetto di sviluppo sociale, civile ed economico. A monte però necessita un processo culturale che al di là delle enunciazioni e delle frasi ad effetto si traduca in un reale, sia pur graduale, cambiamento che interessi tutti, dagli imprenditori alle organizzazioni sociali ai cittadini di ogni rango.

Banner

Vanno create professionalità, specifiche competenze, capacità di visioni lungimiranti. Le bellezze della Calabria, il suo patrimonio culturale, artistico-architettonico, storico, gastronomico rappresentano nel loro insieme unicità assolutaotto. Cento km di coste, colline rigogliose, monti e vegetazioni dal fascino unico, ambienti idilliaci, borghi di pregnante bellezza non solo storica rappresentano un “sistema sinergico” invidiabile ma pochissimo finora valorizzato al massimo delle sue potenzialità. È venuto il momento che alle parole seguano concretezze. Bisogna crederci con convinzione sapendo che si potrà così costruire la condizione per uno sviluppo vero con ricadute economiche ed occupazionali forse ora inimmaginabili. Quindi la necessità di una classe dirigente capace, con lungimiranza di idee e con impegno serio e costruttivo.

Banner

A fianco a ciò serve la creazione di specifiche professionalità e competenze frutto del giusto connubio di esperienze consolidate e di energie giovanili che, sopratutto queste ultime, diano quello slancio necessario per fare uscire la Calabria dallo stato di oblio che finora non ha consentito un suo concreto rilancio. E cosa meglio se non una oculata formazione. E quindi, al di là delle chiacchiere, vanno promosse una “Scuola di formazione/specializzazione del Turismo” e una “Facoltà universitaria di Scienze Turistiche e Ambientali”, tra loro adeguatamente sintonizzate.

Banner

Avremmo così tanti giovani calabresi che con idonee conoscenze, competenze, professionalità creeranno il loro personale futuro e il futuro della propria terra.

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner