Ultime modifiche al nuovo piano del traffico: Pisano si ribella e punzecchia Abramo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Ultime modifiche al nuovo piano del traffico: Pisano si ribella e punzecchia Abramo
Giuseppe Pisano
  28 luglio 2019 17:06

"Il nuovo piano della mobilità ha portato più ordine alla circolazione dei veicoli e il cambiamento, finora, non ha provocato particolari disagi per i cittadini. Se questa valutazione vale a livello generale, purtroppo prive di logica sono alcune recenti modifiche intervenute dopo l'inversione di marcia principale".

A dirlo il capogruppo di Officine del Sud, Giuseppe Pisano che fa riferimento a quella che definisce "l'immotivata penalizzazione subita dalla zona sud del centro storico a causa dell'idea postuma e posticcia di imporre via Nuova Bellavista a scendere dal Corso. Francamente -ha rivelato - non capisco chi da questa scelta abbia tratto beneficio visto che l'unica certezza è soltanto nel danno provocato ai residenti delle zone di Porta di Mare, via Masciari, via Vincenzo Bellini, via F. Cilea e la parte alta di viale dei Normanni. L'ultimo "accorgimento" deciso ha nei fatti "esiliato" queste aree, con l'aggravante che verrebbero tagliate fuori anche dalla navetta della funicolare a discapito di tre fermate di autobus che rimarrebbero deserte. L'idea, a quanto pare non accolta, di cambiare il senso di marcia a Fondachello (facendolo a salire) era una possibile opzione per mettere un po' di pace. In assenza di bilanciamenti e contromisure, l'inversione di Via Nuova Bellavista è un vero e proprio abuso senza senso che provoca soltanto inconvenienti".

Banner

Da qui l'invito formale: "Il sindaco riveda tale scelta ascoltando, assieme al vice comandante della Polizia municipale Amedeo Cardamone, questa legittima richiesta. E la mobilità non è il solo problema. Le segnalazioni provenienti da questa parte del centro storico riguardano la frequenza del diserbo e della cura delle aree verdi, la mancanza di spazzini, la scarsa tutela architettonica degli archi di Bellavista e il necessario rifacimento dei marciapiedi e del manto stradale lungo viale dei Normanni. Tutte questioni che dovranno essere sicuramente affrontate dal sottoscritto e dal sindaco. Il tutto avverrà sotto la visione critica di chi abita in certe zone che abbiamo sotto il naso ma che facciamo tante volte finta di non vedere".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner