“Un libro nel borgo”. Successo per il primo appuntamento della rassegna di Don Francesco Cristofaro

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images “Un libro nel borgo”. Successo per il primo appuntamento della rassegna  di Don Francesco Cristofaro

  26 luglio 2021 20:14

di FRANCESCA FROIO

Emozione, professionalità e coinvolgimento hanno fatto da cornice, nella serata di sabato 24 luglio, al primo appuntamento con “Un libro nel borgo”, la rassegna letteraria  ideata da Don Francesco Cristofaro, parroco di Santa Maria Assunta in Simeri, scrittore e conduttore radio-televisivo, amato e seguito in diverse parti del mondo.

Banner

Un’iniziativa dall’alto spessore culturale e umano, arricchita ancor di più dalla suggestiva location scelta: l’antica Collegiata. Tra storiche e preziose mura ed un tetto fatto di cielo stellato si sono susseguiti, infatti, nell’arco della serata condotta da Mario Sei, gli interventi di prestigiosi ospiti, accomunati da una immensa e sincera stima verso colui che possiamo definire un esemplare padrone di casa: Don Francesco Cristofaro.

Banner

Si è parlato anche di Calabria, durante l’incontro, di questa terra amara e dolce che accoglie come poche; madre di figli che con dolore partono  e, allo stesso tempo,  di tanti altri che con coraggio restano, come  Felice Foresta, noto avvocato catanzarese con la passione per scrittura, invitato per l’occasione a dialogare su quella che rappresenta la sua ultima fatica letteraria: “Lungo il sentiero delle trasparenze”.

Banner

Un libro che, come ha affermato dallo stesso autore: “è dedicato a due persone care non più presenti fisicamente”, il cui tema centrale è rappresentato da quelle che Foresta definisce “occasioni  di vita che ci sono state negate, fatte di persone che non ci sono più”.

Un viaggio fisico e metafisico che accompagna, l’autore prima ed il lettore dopo, nell’immaginare che anche quelle persone che incrociamo sul nostro cammino per poco tempo, attraverso la loro assenza, incidano comunque, in qualche modo ,sulla nostra essenza. “Ognuno di noi- ha sottolineato Foresta-  vive in una costante ricerca delle pareti della propria anima e cerca, anche in quelle persone che ci sono state negate, l’occasione e la possibilità di ricostruire pezzi di se stessi”.

La parola poi allo scrittore, sceneggiatore e giornalista Gabriele Romagnoli, che ha portato nella suggestiva Collegiata di Simeri il suo ultimo lavoro editoriale: “Cosa faresti se”, Feltrinelli Editore.

Un romanzo che- come spiegato da Don Francesco nella sua presentazione- si snoda in sette giorni, una sola settimana, sette storie che possono diventare centinaia; in questo libro- ha sottolineato Don Francesco- ho incontrato centinaia di storie, compresa la mia, capaci di lasciare in chi legge anche degli insegnamenti importanti".

Un libro che- racconta Romagnoli- nasce come un’idea che fra tante ha saputo bussare più forte, basata sul dilemma morale, quei dilemmi morali che sono una concatenazione. Quello che scegliamo nella vita  non riguarda solo noi stessi, riguarderà anche le altre persone, per questo ho voluto creare questo circolo di sette giorni”.

“Il settimo giorno - continua l’autore- è come un giorno del giudizio per  personaggi che si rincontrano, la storia si chiude con una sola certezza, tra chi ha imparato e chi no, tutti, comunque, hanno motivazioni diverse rispetto al prima del dilemma morale”.

Le scelte che noi facciamo ci modificano- ha concluso Romagnoli- dopo averle compiute nessuno è più la stessa persona, perché sai di te qualcosa in più”.

Sguardi commossi e incantati tra i presenti,  quando a varcare la soglia di quello che ha rappresentato per l’occasione un palco speciale, è stata chiamata colei che Don Francesco ha introdotto come “Una delle conduttrici più amate del nostro panorama televisivo, una Donna capace di accogliere con tanto amore, che ha sempre avuto parole affettuose per la comunità di Simeri, e che Simeri è ora felice di poter accogliere a sua volta”, Paola Saluzzi, giornalista di Tv2000 e conduttrice de “L’ora solare”.

Tanta l’emozione anche negli occhi e nel dire della speciale ospite, che ha dichiarato: “Sto vivendo una delle serate più belle che mi siano mai capitate”, spendendo poi parole belle e colme di luce per la nostra terra, per le nostra gente ed in particolare per il giovane e “gigante” parroco. “Don Francesco- ha affermato l’ospite tanto attesa - è capace di entrare e di diventare un ramo importante dell’albero della vita di tutti coloro che sono spettatori di chi sia, e di fare in modo che quel ramo cammini anche al contrario e diventi radice”.

“Quando sono arrivata qui mi sono emozionata e sono ho sentito di essere arrivata a casa” ha aggiunto poi la giornalista Paola Saluzzi.

A lei la comunità di Simeri, rappresentata dal Sindaco Pietro Mancuso, ha voluto donare una targa ricordo in cristallo, con inciso “Ci sono storie che hanno sempre il sapore della speranza, quando a raccontarle è la delicatezza. A Paola Saluzzi per le sue tante ore solari”

Un primo appuntamento colmo di emozioni, dunque, arricchito dalle performance musicali curate dal soprano Eleonora Giordano, accompagnata dal maestro Ercole Gesualdo, dalla  violinista Valeria Piccirillo e dalla cantante Annarita Ippolito, accompagnata, a sua volta,  dal maestro Fabrizio Rotundo alla chitarra.

Non potevano mancare poi suggestive coreografie, curate da Fabiola Assisi e Maria Teresa Cosco, ed ancora le esemplari esibizioni messe in atto dalla ballerina Miriana Scarcella e dall’attore teatrale Attilio Mela, che  ha letto alcuni brani estrapolati proprio dal libro “Cosa faresti se”.

Con un invito speciale, rivolto a tutti, perché tutti ne abbiamo bisogno, Don Francesco ha concluso quella che è stata, per i presenti e per chi ha seguito l’iniziativa attraverso diretta youtube, una serata capace di lasciare il segno.

“Spesso nelle nostre scelte abbiamo bisogno di essere ascoltati e sostenuti, specialmente quando si tratta di situazioni importanti, nessuno deve sentirsi mai solo o pensare che non ci sia nulla di bello in ogni giorno. C’è sempre  qualcosa di bello e di speciale nella nostra vita, basta semplicemente soffermarsi a cercare”.

Con queste parole, cariche di amore e di significato, il giovane prete, capace di entrare nelle case e nei cuori di tutti coloro che lo seguono, ha dato l’arrivederci al prossimo appuntamento con “Un libro nel Borgo", previsto per giorno 7 agosto, ospite  Safiria Leccese con “La ricchezza del bene. Storie di imprenditori tra anima e business” edizioni Terra Santa. Presenti , inoltre, l’artista Massimiliano Ferragina, pittore di fama internazionale, l’orchestra di clarinetti “Fausto Torrefranca” del Conservatorio di Vibo Valentia e tanti altri ospiti.

È possibile rivedere l’iniziativa, ripresa dal regista Carlo Persampieri, direttamente sul “canale youtube” di don Francesco Cristofaro. 

                             

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner