“Uniti per la professione” in lizza alle elezioni dell’Ordine dei Commercialisti

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images “Uniti per la professione” in lizza alle elezioni dell’Ordine dei Commercialisti

Il candidato alla presidenza Igino Guerriero spiega le ragioni del suo impegno

  19 febbraio 2022 12:04

Agire sempre con “trasparenza ed efficienza nel perseguire gli obiettivi istituzionali, al fine di garantire il rispetto delle disposizioni normative”. Ma anche “incentivare condivisione e coinvolgimento, per favorire la partecipazione degli iscritti alla vita dell’Ordine, al fine di ritrovare il senso di unità e di appartenenza”. Sono solo alcuni degli obiettivi del candidato alla presidenza dell’Ordine dei Commercialisti, Igino Guerriero, che lunedì e martedì, 21 e 22 febbraio, sfiderà la presidente uscente, Rosamaria Petitto, nel rinnovo degli organismi direttivi della provincia di Catanzaro, con la lista Numero 1, il cui motto è  “Uniti per la professione”.

Guerriero si propone di coinvolgere gli iscritti nella vita dell’Ordine, rafforzare l’immagine e il prestigio della nostra categoria professionale e creare le condizioni affinché tutti, in particolare i giovani iscritti, possano cogliere le opportunità di crescita professionale. A sostegno di Guerriero i candidati al consiglioNicola Aiello; Paola Belcastro; Caterina Caputo; Pierluigi Combariati; Giovanna Grande; Eleonora Teresa Iozzo; Luisa Lacava; Bruno Marcello; Massimiliano Meloni; Giuseppe Merante; Gregorio Nanci; Giovanni Parisi; Giovanni Puccio; Salvatore Rubino; Laura Tallarico.

Banner

 “Competenze professionali ed etica saranno i nostri fari in questa esperienza, ponendo come obiettivo quello di valorizzare il nostro patrimonio di competenze e accogliendo con fiducia i grandi cambiamenti, le novità del mercato, adeguando la professione alle sfide che ci attendono”, scrive Guerriero.

Banner

Il candidato alla presidenza per la LISTA N. 1 punta sull’attività istituzionale e attività per valorizzare la professione, prima di tutto agendo con trasparenza ed efficienza nel perseguire gli obiettivi istituzionali, favorire la collaborazione e il sostegno per gli iscritti nell’assolvimento degli adempimenti istituzionali, ma anche promuovendo forme di collaborazione interprofessionale finalizzata, anche attraverso adeguati percorsi formativi, a creare sinergie e maggiori opportunità di sbocchi professionali per gli Iscritti tutti e, in particolare, per i giovani colleghi.

Banner

“E’ nel motto ‘Uniti perla professione’ la ragione di proposizione della nostra lista che si prefigge di coinvolgere gli iscritti nella vita dell'Ordine, rafforzare l’immagine e il prestigio della nostra Categoria professionale e creare le condizioni affinché tutti,in particolare i giovani iscritti, possano cogliere le opportunità di crescita professionale – afferma Guerriero - Oggi, più che mai, c’è bisogno di unità d’intenti tra i Colleghi e di condivisione di obiettivi comuni quali, ad esempio, la valorizzazione della nostra professione sempre più votata alla tutela della fede pubblica senza che, di contro, vi siano adeguati riconoscimenti da parte delle Istituzioni tutte e in particolare del nostro Legislatore”.

“E’ innegabile che nel corso dell'ultimo ventennio la nostra professione abbia subito radicali innovazioni dovute, in particolare, alla presa di coscienza da parte della PA dei ritardi cronici con cui ha operato nel quotidiano rapporto tra fisco e contribuente e ciò ha determinato il massiccio ricorso alla telematica con noi professionisti protagonisti principali di un ventennio all'insegna di un mutato rapporto tra PA – Professionisti- Contribuenti. I nostri studi hanno dovuto adeguarsi alle mutate esigenze investendo in risorse umane e tecnologiche in un contesto in cui il Legislatore ha inteso sferrare un duro colpo alle categorie professionali con l'abrogazione delle tariffe. Operare in contesti simili non è stato facile, non è facile e non sarà facile. Ma è nostra ferma intenzione essere di supporto a tutti gli iscritti affinché attraverso un'azione condivisa, anche per mezzo delle commissioni di studio all'uopo costituite, possano essere individuati percorsi formativi idonei a cogliere le opportunità professionali anche e soprattutto per i giovani Colleghi che, pieni di speranza ed entusiasmo, si avvicinano alla professione. Per loro non è sufficiente "aprire una porta" ma è necessario poterli indirizzare e guidare su una stradache dia loro maggiori opportunità di poter esprimere il loro sapere. Sarà nostro prioritario interesse, all’indomani del voto – conclude Guerriero - quello di promuovere una maggiore e definitiva unione fra Colleghi, una maggiore “forza contrattuale” che ci permetta, in tutte le sedi istituzionali di affermare il ruolo attivo del Commercialista nella vita economica e sociale delle nostre Comunità”.

 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner