Us Catanzaro 1929, allenamento al "Mirko Gullì" in vista del derby. Tulli e Kanoute nuovamente in gruppo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Us Catanzaro 1929, allenamento al "Mirko Gullì" in vista del derby. Tulli e Kanoute nuovamente in gruppo
Partitella al PoliGiovino (immagine di repertorio)
  24 febbraio 2020 20:26

di ANTONIO ARGENTIERI PIUMA

Smaltite le scorie negative di Francavilla Fontana, la truppa di Auteri prepara la delicatissima partita di mercoledì prossimo contro la Reggina. Seduta pomeridiana al “Mirko Gullì” che si è sviluppata in tre fasi.

Banner

La prima, è stata dedicata negli spogliatoi ad una lunga analisi del match di domenica scorsa. Verso le 16 e 30, una parte del gruppo si è diretto in palestra dove ha svolto una mezz’oretta di lavoro. L’altra parte della squadra ha iniziato sul campo il riscaldamento con il preparatore atletico, Giuseppe Talotta. 

Banner

Verso le 17 i due gruppi si sono ricongiunti e hanno lavorato con la palla in una partitella a campo ridotto. A questa terza fase non hanno preso parte per ragioni precauzionali Di Piazza, Carlini, Celiento e Martinelli.

Banner

Mentre Tulli, non convocato per la partita contro la Virtus Francavilla per un problema al collo del piede, ha svolto prima un allenamento differenziato ma poi ha giocato insieme ai compagni. Le sue condizioni sembrano buone.

Kanoute invece ha partecipato fin dall’inizio alla seduta insieme al gruppo e pare completamente recuperato. Unico assente, Di Livio, per un risentimento muscolare che lo terrà a riposo per qualche tempo. La squadra sembra aver superato la figuraccia rimediata in Puglia e mostra segnali positivi. 

Domani pomeriggio, rifinitura al Ceravolo. Porte aperte ad inizio allenamento per i tifosi che vorranno aderire all’iniziativa lanciata da un gruppo della Curva per caricare la squadra alla vigilia del derby.

Gos in vista del derby Questa mattina, negli uffici della Questura si è svolta la riunione del Gos (Gruppo operativo sicurezza) che gestisce l’ordine e la sicurezza in occasione di manifestazioni sportive. Le misure di prevenzione adottate per questo derby, ritenuto a rischio per la forte rivalità tra le due tifoserie, sono state già pianificate in una riunione pre-Gos tenuta lo scorso 14 febbraio a Catanzaro. 

In quell’occasione si fece richiesta (poi approvata) di aprire la vendita dei tagliandi solo ai possessori della tessera del tifoso delle Reggina calcio sottoscritta prima del 14 febbraio, e nello stesso tempo di vietare il rilascio dei tagliandi in altri settori ai residenti della provincia di Reggio Calabria.

Una misura preventiva che limiterà parecchio la presenza degli amaranto al Ceravolo, visto che una buona parte della tifoseria organizzata reggina non possiede la fidelity card. Infatti, si parla di circa 250 sostenitori provenienti dalla città dello Stretto, a fronte di previsioni molto più ampie.

D’altra parte, la Reggina sta facendo un grande campionato e l’entusiasmo in città è alle stelle, ma l’orario serale e il rischio tafferugli ha indotto le forze dell’ordine a frenare l’eventuale esodo verso i Tre colli.

Coronavirus e rischio porte chiuse Un altro motivo di preoccupazione che potrebbe modificare il normale svolgimento dei campionati di calcio potrebbe arrivare proprio dalle misure preventive legate al rischio di diffusione del Covid-19.

Per il momento non è stata adotta alcuna misura preventiva sul derby, ma la Figc e il Governo stanno pensando a far disputare alcune partite a porte chiuse, nelle zone del Paese ritenute al centro del contagio del virus. Ad oggi, il derby tra Catanzaro e Reggina si gioca regolarmente a porte aperte.

Intanto, domani mattina il governo sarà chiamato a decidere in merito alla chiusura delle scuole anche nelle regioni che fino ad ora non hanno segnalato contagiati. Il presidente della Regione Calabria, Jole Santelli e il sindaco di Catanzaro, pur rispettando le decisioni nazionali, hanno espresso parere favorevole alla chiusura degli istituti scolastici e quindi delle strutture sportive pubbliche.
Le prossime ore saranno decisive per capire quali provvedimenti saranno adottati. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner