Us Catanzaro 1929, il tecnico Calabro alla vigila della gara di Coppa: "Difficoltà del periodo contro un avversario di categoria superiore"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Us Catanzaro 1929, il tecnico Calabro alla vigila della gara di Coppa: "Difficoltà del periodo contro un avversario di categoria superiore"

  06 agosto 2021 23:06

di ANTONIO ARGENTIERI PIUMA

Sono ore di grande attesa per tifosi del Catanzaro. La dirigenza giallorossa sta lavorando a fondo per concludere positivamente le trattative per Antonio Cinelli e Pietro Cianci.

Banner

Due pedine fondamentali per definire la sessione estiva di mercato e consegnare al tecnico Calabro un organico completo e competitivo.

Banner

La prima trattativa si è sbloccata poche ore fa quando le parti hanno trovato l’accordo dopo un lungo dialogo. Il calciatore romano firmerà un contratto biennale.

Banner

Il centrocampista, classe ’89, di proprietà del Vicenza, società con la quale il calciatore ha definito la fine del rapporto, dovrebbe trasferirsi in città nelle prossime ore e prendere in mano le redini del centrocampo.

La seconda riguarda Pietro Cianci. Il centravanti barese, classe ’96, di proprietà del Teramo è da tempo un obiettivo del Catanzaro che tuttavia deve rilevarne il cartellino dalla società guidata da Franco Iachini.

Ed è proprio il presidente del Teramo che oggi, su invito dal presidente Noto, è sceso in Calabria per trovare l’accordo definitivo.

L’ostacolo maggiore  riguarda la cifra che il Catanzaro deve versare nella casse del Teramo per acquisirne la proprietà.

Chissà che nelle prossime ore i due presidenti possano trovare la quadra e arrivare concludere il passaggio al Catanzaro del centravanti.

Baldassin al Renate L’ Us Catanzaro 1929 comunica di aver raggiunto l’accordo per la cessione a titolo definitivo del centrocampista Luca Baldassin all’Ac Renate. Al calciatore il ringraziamento del club e gli auguri per il prosieguo della carriera.

Fine del ritiro Sono stati quindici giorni di duro allenamento quelli trascorsi dai calciatori dell’Us Catanzaro nella struttura “La Fattoria” di località Moccone, a Camigliatello Silano. 

Due settimane in cui mister Calabro, insieme con tutto lo staff, ha fatto lavorare sodo il gruppo, in vista dei primi impegni ufficiali, a cominciare dalla gara di Coppa Italia contro il Como. 

E’ stato un ritiro proficuo anche grazie alla professionalità dimostrata da tutto il personale dell’hotel che, ancora una volta, si è rivelato all’altezza delle aspettative della formazione giallorossa. 

La società, con in testa il presidente Noto e il direttore generale Foresti, ringraziano la direzione dell’albergo silano per l’ospitalità ricevuta e per il clima di serenità e la disponibilità con il quale hanno accolto i nostri atleti.

Le parole del mister

E’ soddisfatto del ritiro il tecnico giallorosso Antonio Calabro, alla vigilia della prima sfida ufficiale della stagione, la gara di Coppa Italia contro il Como: 

“Sono molto contento, i ragazzi hanno svolto gli allenamenti con continuità, abnegazione e entusiasmo. Hanno lavorato sodo senza mai una lamentela”. 

Sul campo di Novara, secondo Calabro, i giallorossi affronteranno “le difficoltà di qualsiasi gara di questo periodo. Troveremo un avversario di categorie superiore, e le squadre sono cariche di lavoro sulle gambe. Anche noi abbiamo caricato come è giusto che sia in questo periodo. Abbiamo alleggerito il lavoro solo negli ultimi due giorni, ma sempre effettuando doppi allenamenti”. 

Calabro non commenta l’attuale stato del mercato: “Per il completamento della squadra non sta a me esprimere opinioni in questo momento. Sono abituato a parlare dopo che ha parlato il campo, che per me rimane l’unica cosa, la più importante nel nostro lavoro”. 

Un messaggio particolare il tecnico lo rivolge ai tifosi: “Voglio ringraziare tutti coloro che sono arrivati a Moccone per l’amichevole con la Vibonese. Ma chiedo ai tifosi di starci vicino, di farci sentire la loro presenza, ma soprattutto di trasferire alla squadre la fame di vittorie e la voglia di riscatto di un intero territorio. La squadra ha bisogno di amalgamarsi con l’ambiente, per fare grandi cose dobbiamo essere sempre uniti e in simbiosi. Questo per me è l’aspetto più importante”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner