Us Catanzaro 1929, Martinelli:"Qui per vincere. Il gruppo è sano". Di Livio: "Voglio ripagare la fiducia del Mr"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Us Catanzaro 1929, Martinelli:"Qui per vincere. Il gruppo è sano". Di Livio: "Voglio ripagare la fiducia del Mr"
Luca Martinelli
  21 luglio 2019 20:20

ANTONIO ARGENTIERI PIUMA

Tra le tante voci di mercato che si susseguono, soprattutto in merito al terminale offensivo ormai diventato un rebus, si presentano in sala stampa, presso l’Hotel la Fattoria a Moccone (dove da giorni alloggia l’Us Catanzaro 1929 per il ritiro precampionato), Luca Martinelli e Lorenzo Di Livio. Il primo, difensore centrale di lungo corso, nato a Milano, ha all’attivo 6 stagioni di serie B, una presenza in serie A con l’Empoli e tanta serie C a buon livello. Giunge a Catanzaro proprio per dare quel contributo in termini di esperienza e qualità che serve al reparto difensivo. “Arrivo con molto entusiasmo e con gradi obiettivi perché ho intenzione d tornare in B prima possibile", esordisce ai microfoni il difensore . "Voglio dare esperienza al gruppo e metterò a disposizione le mie qualità proprio per la squadra. Sono quello un po’ più esperto a livello di numeri ma ho trovato un gruppo e compagni super disponibili che hanno una gran voglia di arrivare in fondo e questo è fondamentale perché per raggiungere grandi obiettivi, aldilà degli aspetti tattici, bisogna avere la fame giusta. L’atteggiamento che conta in serie C è questo. Sappiamo che andremo incontro ad un campionato molto difficile, il livello si è alzato ulteriormente e non sarà facile ma dobbiamo avere le idee chiare e seguire le direttive del Mr e avere tutti in testa l’obiettivo ben chiaro. Anche per i ragazzi che già c’erano e quelli che sono appena arrivati deve essere un trampolino di lancio e chi ha fatto già la categoria superiore lo sa, il salto di qualità è notevole e questo consente di cambiare poi le carriere di ognuno di noi. Questo vale anche per una piazza importante che merita un palcoscenico diverso. Sono stati sicuramente anni difficili- lancia la sfida Martinelli- ma io penso che tutti uniti possiamo raggiungere l’obiettivo. È dura ma bisogna essere consapevoli della nostra forza. Il gruppo c’è, lo vedo è sano. Anche se sono pochi giorni ma c’è da lavorare settimana dopo settimana senza farsi prendere da isterismi nei momenti difficili o grandi entusiasmi nei momenti positivi. Certo, la serie B avrei voluto mantenerla e il mio obiettivo è quello di tornarci. Potevo aspettare un po di più- prosegue il neo acquisto giallorosso- ma la mia volontà era quello di andare in una piazza ambiziosa non per fare un campionato per salvarmi. Ho fatto le mie valutazioni personali perché ho trovato un progetto serio. Mi sono informato e so che è una realtà solida e di questi tempi bisogna tenersela stretta. E poi ha fatto un ottimo campionato l’anno scorso. Sono andato molto a sensazione e ho fatto questa scelta e sono contento. In serie C, e a maggior ragione nel girone C, non basta giocare bene ma degli errori bisogna cercare di migliorare e ripeto sono pronto per dare il mio contributo laddove ci sono carenze ma non sarà certo Martinelli che salverà il Catanzaro. Bisogna maturare tutti insieme a partire dai più grandi che devono dare una mano ai più giovani e i giovani che devono apprendere velocemente perché il calcio non aspetta nessuno".

Banner

Lorenzo Di Livio

Banner

Altro tipo di giocatore, Lorenzo Di Livio (in foto sopra) arriva proprio per volere del Mr che lo ha avuto a Matera per sei mesi. “Certo, quando l’allenatore ti vuole devi cercare di fargli capire che ha fatto bene a credere in te. Mi sono trovato alla grande a Matera e per le caratteristiche e le qualità che ho mi vuole dare sicuramente una mano. L’obiettivo di ogni giocatore competitivo è quello di puntare a vincere e di conseguenza a fare il meglio possibile anche se il girone è valido ma la squadra è stata costruita davvero bene. Sicuramente è stimolante avere tanti giocatori bravi davanti e toccherà lavorare molto per giocare. A Reggio era un momento diverso, ora sono passati due anni e mi sento più maturo. Sono sicuro che la Calabria è un posto ottimo e ti accoglie bene. Per un giocatore è bello qui. Chi vuole far bene deve affrontare anche certe emozioni ed è meglio giocare in uno stadio caloroso che in uno stadio spento. Diciamo che ho iniziato un percorso diverso – ha affermato il trequartista che ha firmato un triennale - e sono pronto a fare la mia carriera e strafelice per la fiducia che mi hanno dato”.

Banner

MOCCONE Al mattino riposo e nel pomeriggio di nuovo a lavoro. La truppa di Auteri sta svolgendo le sessioni di allenamento proprio sul campo in erba adiacente all'albergo a Moccone secondo un programma stilato dallo staff tecnico. Domani inizierà una nuova settimana di duro lavoro e mentalmente si inizierà a pensare alla prima partita di coppa Italia in programma il 4 agosto. Proprio domani è prevista la compilazione dei calendari di Coppa Italia Tim cup e il 25 usciranno i calendari del campionato.

MERCATO Da segnalare il rinnovo di Giacomo Casoli, centrocampista classe '88 arrivato a Catanzaro a gennaio per rinforzare proprio la mediana. Nei prossimi giorni il Mr attende l'arrivo di un terminale offensivo di spessore e qualche altro innesto di qualità e quantità utile ad innalzare ancora di più l'asticella dell'organico e definire quel 20 per cento in sospeso. per quanto concerne la cessione di D'Ursi ancora nulla di definito. La società valuta le offerte.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner