Us Catanzaro 1929, Pinna è ufficiale, ma il mercato non è chiuso

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Us Catanzaro 1929, Pinna è ufficiale, ma il mercato non è chiuso
Paride Pinna, difensore (foto Ufficio stampa Us Catanzaro 1929)
  06 agosto 2019 21:22

E ora anche Paride Pinna alla corte del tecnico Gaetano Auteri. Si tratta di un elemento di grande esperienza per la categoria, proprio sulla corsia di sinistra. Classe 1992, il terzino sardo arriva dalla Casertana. Nel suo curriculum – si apprende dall’Ufficio stampa dell’Us Catanzaro 1929- dopo gli inizi in serie D con l’Arzachena, il trasferimento in Basilicata, prima a Matera e poi a Melfi. Quindi due campionati con il Cosenza prima di accasarsi in Campania nel gennaio del 2018: in quella seconda parte di stagione, con i rossoblu, ha collezionato 14 presenze e tre reti mentre lo scorso anno ha disputato 20 gare siglando un gol. Con i giallorossi ha sottoscritto un contratto biennale. Conclusa dunque un’altra operazione di mercato in entrata che prelude tuttavia ai saluti di Nicoletti verso Cesena. Intanto, si lavora sodo in vista della difficile trasferta di Salerno che vedrà impegnate le aquile allo stadio Arechi proprio domenica 11 agosto (alle ore 20 e 45) per il secondo turno di Coppa Italia Tim Cup. Il Ds Lo Giudice intanto opera sul mercato per non sbagliare e per dare la possibilità al Mr che vuole un gioco sempre molto offensivo di poter disporre di una rosa competitiva, lunga e all’altezza in tutti i reparti.

Se pensiamo all’anno passato, infatti, il Catanzaro ha perso colpi proprio quando la formazione titolare ha avuto qualche problema fisico, anche fisiologico, ed ha iniziato ad accusare la stanchezza. Solo allora il Catanzaro ha rallentato la corsa verso il primo posto, proprio perché non disponeva di una rosa lunga e di qualità. Ma fino a quel momento il ritmo delle aquile era davvero alla pari di Juve Stabia e Trapani che viaggiavano forti e costanti. Ma evidentemente avevano qualcosa in più proprio in termini di rosa complessiva, ma senz'altro non sul piano del gioco che ha visto il Catanzaro un gradino sopra. Ma non è bastato! E anche quella partita di Castellamare che senza dubbio poteva rappresentare un punto di svolta per il campionato dei giallorossi e che invece ha sancito il crollo mentale e atletico di tutta la squadra, non basta a spiegare un calo così evidente di rendimento nelle partite successive. La verità sta nel mezzo. la filosofia di gioco del tecnico Auteri fatta di ripartenze, velocità e gioco spettacolare necessità di cambi di spessore e quindi di un’ottima tenuta atletica e mentale dell’intero organico per tutto il corso del campionato. Una logica che non garantisce il posto fisso a nessuno e premia chi sta meglio e soprattutto non modifica le proprie caratteristiche di gioco a secondo dell’avversario.

Banner

Ecco che il disegno di Lo Giudice ed Auteri quest’anno ha l’obiettivo proprio di rinforzare la rosa nel suo complesso per garantire standard di qualità per tutto l’anno e in tutti i reparti, in un campionato lungo e difficile, tenendo conto di cali atletici, problemi fisici, imprevisti, sfortuna, arbitri e altre variabili meno prevedibili. Solo così forse il Catanzaro di Auteri se la giocherà fino alla fine. Ma serve senza dubbio ancora qualcosa in termini di qualità. E infatti il mercato non è finito. Sempre sulla corsia di sinistra si guarda ad Agostinone, difensore sinistro dell’Alessandria con una grande esperienza nella categoria e gli occhi sono ancora puntati su un altro portiere di livello. Prosegue l’osservazione del greco Lefteris Choutesiotis, classe ’94, ex nazionale under 21 della Grecia, dall’1 luglio, svincolato dall’Olympiacos. Per l’attacco circola il nome di Bianchimano ma si guarda anche altrove con qualche sbirciatina ai giocatori svincolati. 

Allenamento Lavoro differenziato per chi ha giocato, mentre per chi ha fatto qualche minuto del match di coppa o proprio nulla, un lavoro semplicemente di corsa. I calciatori che negli altri giorni hanno lavorato a parte si sono aggregati al gruppo. Domani, lavoro doppio: al mattino si farà lavoro di forza e tattico e nel pomeriggio lavoro tecnico-tattico con la palla e partitella in famiglia.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner