Us Catanzaro 1929, rallenta il calciomercato alla vigilia del raduno estivo. Campagna abbonamenti: vendute 626 tessere

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Us Catanzaro 1929, rallenta il calciomercato alla vigilia del raduno estivo. Campagna abbonamenti: vendute 626 tessere
"Curva Massimo Capraro" in fermento (foto di Cosimo Simonetta)
  11 luglio 2022 19:02

di ANTONIO ARGENTIERI PIUMA

Alla vigilia del raduno del Catanzaro presso il Benny hotel, tifoseria in trepidante attesa per il calciomercato. Intanto, è partita la campagna abbonamenti per la prossima stagione. 

Banner

Sono già 626 le tessere vendute: un dato numerico sorprendente che dimostra l’attaccamento, ma soprattutto la fiducia che il pubblico giallorosso ripone in questa squadra e in questa società. 

Banner

Stamattina, davanti ai botteghini c’era anche il difensore Pasquale Fazio, operato di recente al ginocchio ma già pronto per il ritiro estivo in programma a Moccone dal 17 luglio.

Banner

Domani mattina dunque, primo appuntamento con la squadra in hotel e poi tutti al Ceravolo per le prime visite mediche e le procedure di rito.

Il bimbo Diego e la campagna abbonamenti Il bimbo protagonista della nuova campagna abbonamenti dell’Us Catanzaro si chiama Diego

Il Catanzaro è nella storia della sua famiglia: è il pronipote di don Mimi Lo Giudice, storico segretario del Catanzaro, braccio destro di Nicola Ceravolo

“Ma dietro il volto di Diego – scrive l’ufficio stampa della Società - c’è ogni bimbo catanzarese, cresciuto con i racconti emozionanti della sua mamma e del suo papà, ma pronto a vivere e scrivere una storia tutta nuova, non fatta di colori sbiaditi, ma di nuovi campioni, di nuove vittorie, di nuove gioie”.

Calciomercato Come tutte le stagioni estive a far da protagonista è sempre il calciomercato. 

Nomi, suggestioni, emerite sciocchezze, grandi aspirazioni e obiettivi concreti si accavallano in pochi secondi.

Anche quest’anno, è così. Fino a ieri sembrava cosa fatta per Giuseppe Prestia, centrale difensivo dell’Alessandria, e invece nulla è ancora detto.

L'imprimatur è sempre quello: toccare meno possibile la rosa e confermare i pezzi migliori.

Stessa cosa per l’estroso mediano brasiliano del Padova Ronaldo Pompeo Da Silva, dato per chiuso e invece tempi e circostanze non sembrano semplicissimi. 

Il ds Magalini al momento ha portato in giallorosso Simone Pontisso, talentuoso play svincolato non del tutto espresso ma di grande potenzialità, e poi è riuscito a chiudere l’operazione Iemmello, grazie alla volontà dell’attaccante catanzarese che ha definito la sua buona uscita con il Frosinone. 

Ha lasciato andare Branduani al Crotone e al suo posto ha ingaggiato Fulignati dal Perugia. Subito dopo, via Nocchi dentro Sala, svincolato dal Catania. Luis Maldonado verso Trento. 

Del resto, ancora tanto lavoro per definire una rosa che deve vincere ma che ancora va completata nei 3 reparti 

A centrocampo, piace Federico Carraro ma la Feralpi non sembra disposta a cederlo facilmente. Così, per Ronaldo sui cui nelle ultime ore si sono buttati Pescara e Crotone. 

Obiettivo per la fascia sinistra resta sempre Jari Vandeputte, la più bella sorpresa dello scorso anno. 

Dopo la cessione di Bayeye al Torino, il belga ridarebbe continuità al progetto Vivarini che spera tanto nel ritorno dell’esterno sinistro dopo aver perso il pendolino sulla fascia destra. 

L’operazione non è affatto facile e richiede uno sforzo notevole da parte della proprietà che deve rilevare il cartellino dal Vicenza e proporre un bel contratto al calciatore. 

In difesa, occhi puntati sempre su Nicolò Brighenti, esperto centrale difensivo adattabile a terzino, ma la società si guarda intorno e valuta diversi profili. 

Il tecnico di Ari tornerà in sede giovedì prossimo dopo le ferie estive e sarà l’occasione giusta per fare il punto sul mercato insieme al ds Magalini. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner