Corbelli (Diritti Civili): "Altre 70 morti improvvise nella prima metà di giugno"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Corbelli (Diritti Civili): "Altre 70 morti improvvise nella prima metà di giugno"

  19 giugno 2022 16:27

Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, in una nota e dalle pagine de La Verità, esprime la sua “grande preoccupazione per il susseguirsi delle morti improvvise ad un ritmo impressionante” e si dice “sconcertato e indignato” per quello che definisce “il silenzio assordante su questa immane tragedia che continua purtroppo a far registrare decine di vittime, ragazzi, giovani e adulti, uomini e donne, che collassano di colpo nonostante non avessero alcun problema di salute”. Corbelli chiede “perché il Governo, le istituzioni ai vari livelli, i media, scritti, radiotelevisivi e on line, i talk show  continuino (tranne l’eccezione de La Verità, di Panorama e pochissimi altri media on line locali, come questa testata La Nuova Calabria) a tacere  sul fenomeno che rappresenta oggi una vera, drammatica emergenza, come dimostra, in modo inquietante, il numero dei decessi. Sono centinaia, un numero imprecisato perché quello di cui si viene a sapere è  solo una parte. Tanti altri, infatti, non vengono neppure segnalati. Nelle prime due settimane di giugno si è appreso di un’altra settantina di morti improvvise. Ma il numero purtroppo continua a crescere ogni giorno. Di queste ultime vittime quasi una decina sono di ventenni. Ci sono calciatori (ed ex), di 21, 25 e (uno famoso, ex Torino) di 39 anni, due giovanissime mamme di 27 anni, un cameriere 25enne, una ragazza 29enne. E ancora medici quarantenni, farmaciste, avvocati, presidi, insegnanti, giornalisti, notai, geologi, imprenditori, sportivi, operai, autisti, barbieri, pensionati… Nelle ultime ore anche un altro medico 37 enne, un giovane di 32 anni che stava per sposarsi, un ragazzino 17enne, una giovanissima 19enne, una ragazza 24enne, un ex finanziere da poco in pensione e un generale dei carabinieri in attività, in Campania, che ha operato anche Cosenza, nella mia città.  Io, ribadisco ancora una volta, in questo anno e mezzo, correttamente e responsabilmente non ho mai detto nulla contro il vaccino, né avanzato ipotesi o fatto alcuna correlazione. Ma di fronte al dramma delle morti improvvise e ai risultati di numerosi studi scientifici internazionali, che evidenziano, in modo sempre più netto e allarmante, i possibili gravi rischi cardiaci (miocardite e pericardite)  legati alla somministrazione del siero, in particolare per gli under 40 (anche se purtroppo continuano a morire anche molti over 40), chiedo che responsabilmente e cautelativamente vengano subito sospese le vaccinazioni per tutte le persone sane e venga valutato, per quelle categorie considerate a rischio, caso per caso. Bisogna inoltre aiutare le persone colpite dagli effetti collaterali(che sono state invece abbandonate dallo Stato, che non sanno neppure dove e come curasi, anche a loro spese, come stanno facendo, con sacrifici e disagi, senza purtroppo risultati soddisfacenti) e fare opera di prevenzione per cercare di scongiurare e fermare questa tragedia delle morti improvvise. Diritti Civili continua la sua opera di prevenzione in questo senso, invitando tutti, con serenità e senza alcun allarmismo, alla massima precauzione, alla diffusione capillare dei defibrillatori e a prestare la dovuta attenzione a quei sintomi sospetti che abbiamo, sintetizzando le stesse indicazioni dell’Aifa e del Ministero della Salute, da noi sollecitate, riportato in un vademecum che abbiamo pubblicato sulla nostra pagina Fb. Ma questo è un compito che devono assolvere in particolare le autorità preposte. Per questo è importante informare il Paese. Non si può più continuare a ignorare questa grande tragedia”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner