Vaccini in Calabria. A luglio prevalgono i richiami, prime dosi in calo del 60% rispetto a giugno

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Vaccini in Calabria. A luglio prevalgono i richiami, prime dosi in calo del 60% rispetto a giugno

  04 agosto 2021 13:48

di GABRIELE RUBINO

In Calabria a luglio sono state somministrate 115.734 prime dosi dei vaccini anti-Covid, mentre a giugno erano state 288.837. Situazione invertita con le seconde dosi, a giugno erano state 154.841 mentre a luglio sono schizzate a 377.831. In sintesi fra giugno e luglio c'è stato un calo di prime dosi quasi del 60% e una crescita dei richiami del 144%. Parlano chiaro i dati sui vaccini forniti dalla struttura commissariale nazionale, guidata dal generale Figliuolo. In questo momento, i richiami superano di gran lunga le prime dosi. Per di più, nel conteggio delle prime dosi rientra anche Johnson&Johnson (unico siero monodose), 27.039 somministrazioni a giugno e 1.042 a luglio. Poi ci sono 2.189 e 2138 che rispettivamente a giugno a luglio hanno ottenuto una dose dopo aver contratto in precedenza il virus. In compenso, le somministrazioni complessive sono state di più a luglio oltre 495 mila, di quelle di giugno che si erano fermate a 445 mila. 

Banner

Questa inversione di tendenza, con la prevalenze dei richiami sulle prime dosi, per certi versi era scontata con il progressivo progredire della campagna vaccinale, tuttavia forse è avvenuta troppo presto. Sempre utilizzando i numeri del governo (aggiornati alle 6 del 4 agosto), il totale delle somministrazioni in Calabria sono 2.048.922, di cui 1.131.516 prime dosi (in cui sono ricomprese quelle di J&J, in totale 50.709) e 908.138 richiami. Considerando la platea vaccinabile, quindi gli over 12 (c'è una lieve discrepanza fra il dato del governo e quello della Regione, con quest'ultimo che si basa sui dati Istat ma per linearità si userà quello in possesso del commissario Figliuolo), finora in Calabria la copertura è di circa il 67% con le prime dosi e del 53,7% con i richiami. Il ciclo è stato completato (aggiungendo chi ha avuto somministrato il monodose) dal 56,7% dei calabresi. 

Banner

Per arrivare all'80%, almeno di chi ha almeno avuto la prima dose, bisogna arrivare a circa 1 milione e 350 mila somministrazioni. Lo scarto mancante è dunque di circa 220 mila persone. Se i numeri di luglio saranno confermati, l'immunità di gregge potrebbe arrivare entro la fine di settembre. Di certo sono settimane di notevole peso specifico e di 'scrematura'. La strategia generale del governo, vedi i provvedimenti sull'estensione dell'uso del green pass, sembra quella di tentare di convincere più che i no-vax, che rimangono arroccati, quell'area grigia di incerti: i boh-vax. In base a come risponderà questa categoria, allora l'esecutivo deciderà quali ulteriori strumenti adottare, soprattutto se l'immunità di gregge resterà lontana. 

Banner

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner