Vademecum per arrivare all'Usca in auto, la senatrice Granato: "Un'altra follia del presidente Occhiuto"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Vademecum per arrivare all'Usca in auto, la senatrice Granato: "Un'altra follia del presidente Occhiuto"

  01 febbraio 2022 17:15

 
“Il presidente della Regione e commissario ad acta, Roberto Occhiuto, ci meraviglia con un’altra sua splendida trovata, affidata ad un fantasioso vademecum messo a punto un vademecum, rivolto a tutta la popolazione residente nel territorio regionale, da seguire per accedere ai nuovi trattamenti terapeutici, evitando il ricovero in ospedale, in caso di positività al Covid. Praticamente, arrivare – anche a piedi – alla prima Usca, ammesso che funzionino”. E’ quanto afferma la senatrice Bianca Laura Granato.

“Il Dipartimento regionale per il Dipartimento della Salute - prosegue - ci assicura che ‘bastano poche ma fondamentali indicazioni di fronte a un’accertata positività per essere curati anche a casa attraverso la somministrazione di antivirali in compresse e anticorpi monoclonali, disponibili dietro prescrizione medica. E come? Arrivando in auto nei centri abilitati alla prescrizione dove sarà visitato e sulla base delle condizioni di salute verrà deciso se prescrivere gli antivirali in compresse o somministrare gli anticorpi monoclonali?  Stiamo tranquilli: il medico di medicina generale o il medico dell’Usca dell’Azienda sanitaria provinciale di riferimento compilerà una scheda di pre-arruolamento e fisserà un appuntamento presso il centro abilitato più vicino all’abitazione del paziente".
 
"Siamo veramente alla follia, o meglio siamo più o meno nelle stesse condizioni in cui eravamo 2 anni fa, senza obblighi vaccinali e Green pass– conclude la senatrice Granato – ci spieghi invece cosa sta facendo, sceriffo a parte,  di concreto per migliorare il sistema sanitario e garantire a tutti, con o senza vaccino, l’accesso alle cure, dato che la sanità calabrese è ancora all’anno zero, e la scomparsa della piccola Ginevra di Mesoraca ne è la tragica dimostrazione“.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner