Venerdì a Lamezia il convegno sull'Alzheimer e Parkinson con Amalia Bruni

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Venerdì a Lamezia il convegno sull'Alzheimer e Parkinson con Amalia Bruni
Amalia Bruni
  24 ottobre 2019 09:33

Il 25 ottobre 2019 presso il Thotel Lamezia di Feroleto Antico (CZ) si terrà il Convegno Regionale AIP Sindem “ Sintomi Neuropsicologici, comportamentali e motori nelle prime fasi delle demenze” organizzato dalla Dott.ssa Amalia Cecilia Bruni

"La malattia di Alzheimer e la malattia di Parkinson sono molto conosciute, perché tra le noxe patogene più frequenti a carico del sistema nervoso, soprattutto in tarda età. La prima, com’ è noto, causa una compromissione progressiva delle funzioni cognitive, perdita di abilità funzionali e deficit motori tardivi. La malattia di Parkinson si caratterizza, invece, per disturbi motori lievi inizialmente, poi ingravescenti e, spesso, per la presenza di alterazioni cognitive che si manifestano nelle fasi avanzate della malattia. In entrambi i casi il vissuto del paziente e della famiglia è oltremodo problematico, perché ad oggi esistono solo trattamenti sintomatici che devono essere ben conosciuti ed adeguatamente modulati al fine assicurare al paziente una adeguata qualità di vita.

Banner

Tra le varie demenze, negli ultimi tempi, si sta conoscendo meglio la “demenza a corpi di Lewy”, che sintetizza nello stesso paziente segni e sintomi che ricordano sia il Parkinson che la demenza di Alzheimer. Un capitolo importante, nell’ambito delle demenze è anche altro quello della demenza fronto-temporale, perché ha un pattern di presentazione che ricorda le patologie psichiatriche primarie.

Banner

Conoscere quindi peculiari forme di demenza, con i sintomi iniziali e con alcuni dei meccanismi patogenetici sottesi (per es. la neuroinfiammazione), avere gli strumenti neuropsicologici e neuroradiologici utili per la diagnosi differenziale, comprendere la complessità del paziente neurologico con le patologie associate e pertanto “fragile”, appare di grande rilevanza perché consente un approccio adeguato al paziente per il quale è utile prevedere una “presa in carico globale”.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner