Vibo Valentia, intestazione fittizia di beni e minacce: una condanna e 4 assoluzioni (I NOMI)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Vibo Valentia, intestazione fittizia di beni e minacce: una condanna e 4 assoluzioni (I NOMI)
Un’aula di Tribunale
  20 dicembre 2021 20:11

Condannato dal Tribunale di Vibo Valentia a 4 anni e 6 mesi di reclusione Francesco Barba, indagato per il reato di concorso in intestazione fittizia di beni, con l’aggravante dell’agevolazione mafiosa del clan Lo Bianco-Barba di Vibo Valentia. Assolto nello stesso processo Vincenzo Barba: il fatto non sussiste. 

Per consentire l’elusione delle disposizione di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniale, Francesco e Vincenzo Barba avrebbero infatti attribuito fittiziamente a Ancuta Nechita, Mihail Nechita,  Bruno Barba, Giuseppe Scardamaglia, tutti imputati nel processo, le quote della società cooperativa “Euro Bulding 2” risultata, di fatto – ad avviso della Procura della Repubblica– nella disponibilità dei Barba. Tutti assolti, per prescrizione (dovuta all'esclusione dell'aggravante del metodo mafioso che ha dimezzato i termini di prescrizione) o perché il fatto non sussiste, tranne Francesco Barba. 


Sono difesi dall'avvocato Diego Brancia.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner