Vibo Valentia, tavolo di confronto in Prefettura sull'andamento dei lavori di costruzione del nuovo Ospedale

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Vibo Valentia, tavolo di confronto in Prefettura sull'andamento dei lavori di costruzione del nuovo Ospedale
Prefettura Vibo
  03 maggio 2022 17:52

Nella mattinata odierna, presieduta dal Prefetto Roberta Lulli, si è tenuta presso la Prefettura di
Vibo Valentia una nuova riunione del tavolo inter istituzionale per il monitoraggio dello stato di
avanzamento dei lavori di realizzazione del nuovo Ospedale cittadino, alla quale hanno preso
parte, tra gli altri, il Presidente della Giunta Regionale On.le Roberto Occhiuto, il Procuratore della
Repubblica di Vibo Valentia dott. Camillo Falvo, il delegato dell’On.le Dalila Nesci,
Sottosegretario di Stato per il Sud e la Coesione territoriale e i vertici provinciali delle Forze
dell’Ordine.

Il Presidente della Regione e i dirigenti regionali presenti hanno riferito circa gli avanzamenti della
progettazione della nuova struttura, giunta alla fase esecutiva grazie alla predisposizione del nuovo
quadro economico finanziario, che permette di ipotizzare l’avvio dell’opera entro i primi mesi del
2023.

Banner

Nel corso dell’incontro Regione Calabria, Amministrazione Provinciale di Vibo Valentia e RFI –
Rete Ferroviaria Italiana hanno stipulato una convenzione per consentire, congiuntamente, la
realizzazione in tempi brevi dei lavori di ripristino dell’officiosità idraulica del Fosso Calzone, al
fine di mitigare le condizioni di rischio idraulico per l’abitato di Vibo Valentia marina.

Banner

La stipula della convenzione rappresenta un importante passo in avanti per la realizzazione di
un’opera propedeutica indispensabile per l’apertura del cantiere del nuovo Ospedale di Vibo
Valentia, per troppo tempo rimasta inattuata.

Banner

Nelle prossime settimane il tavolo tornerà a riunirsi per la verifica delle prime lavorazioni e per la
predisposizione del sistema di cautele antimafia a tutela dell’impermeabilità dell’opera da
potenziali forme di infiltrazioni criminali e per l’esame della situazione della sicurezza del futuro
cantiere nel suo complesso.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner