A Miglierina sparò al cugino reo di aver avvelenato i cani, al gip chiarisce: "Mi minacciava"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images A Miglierina sparò al cugino reo di aver avvelenato i cani, al gip chiarisce: "Mi minacciava"
Foto di archivio di un'automobile dei Carabinieri
  10 ottobre 2022 18:56

 Ha consegnato la sua versione dei fatti davanti al giudice per le indagine preliminari.  Domenico Sirianni, 63 anni, assistito dall'avvocato Anselmo Torchia, accusato del tentato omicidio di un 64enne, ha spiegato i fatti chiarendo che temeva per la sua stessa incolumità alla luce delle minacce ricevute.  In più, ha chiarito di essersi costituito immediatamente su indicazione del suo legale di fiducia  e, dunque, di non aver mai tentato la  fuga.

Secondo la prima ricostruzione, il 63enne domenica scorsa dopo una lite con il cugino coetaneo  accusandolo di aver avvelenato alcuni cani, avrebbe sparato 4 colpi  con un fucile legalmente detenuto colpendolo alle gambe.  Il gip si è riservato sulla decisione attesa nelle prossime ore. 

Banner

LEGGI ANCHE QUI. Tentato omicidio a Miglierina, spara al vicino accusandolo di aver avvelenato i cani: arrestato

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner