Annullato il carcere per il presunto assassino di Maria Chindamo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Annullato il carcere per il presunto assassino di Maria Chindamo

  02 agosto 2019 19:35

Il Tribunale del riesame di Catanzaro presieduto da Giuseppe Valea ha annullato l'ordinanza di custodia in carcere emessa dal Gip di Vibo Valentia nei confronti di Salvatore Ascone, di Limbadi, ritenuto dagli inquirenti vicino alla cosca Mancuso (LEGGI QUI).
Ascone, che dinanzi al Tribunale del Riesame è stato difeso dagli avvocati Francesco Sabatino e Salvatore Staiano, era stato arrestato con l'accusa di concorso nell'omicidio di Maria Chindamo, l'imprenditrice di Laureana di Borrello scomparsa il 6 maggio 2016 a Limbadi. In particolare secondo la Procura, l'indagato avrebbe, in concorso, con altri agevolato l'omicidio manomettendo il sistema di video-sorveglianza di località Montalto in modo da rendere agevole l'opera dei sicari.
Le motivazioni della decisione del Riesame non sono ancora note.

Nell'udienza del 31 luglio al Tribunale del Riesame, gli avvocati Sabatino e Staiano hanno depositato una memoria difensiva allegando atti e una consulenza tecnica dell'esperto informatico Andrea Lampasi, contestando la ricostruzione dell'accusa sugli aspetti tecnici, in particolare sia rispetto alle telecamere nell'abitazione di campagna dell'uomo, sia al malfunzionamento, che agli orari indicati dalla polizia giudiziaria. I difensori, inoltre, sulla base dei tabulati telefonici e dei tempi di percorrenza, hanno sostenuto che è da "escludere qualsivoglia responsabilità sia da parte di Ascone che da parte del figlio all'epoca minore". I legali hanno anche contestato l'attendibilità del collaboratore di giustizia Emanuele Mancuso figlio del boss di Limbadi Pantaleone.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner