Bimbo picchiato: a Cosenza il flash mob dei GD. La condanna di un'intera comunità

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Bimbo picchiato: a Cosenza il flash mob dei GD. La condanna di un'intera comunità

  07 settembre 2019 18:00

Oggi alle 18, in via Macallè, a Cosenza, in concomitanza con la raccolta di firme per le primarie in Calabria, i Giovani Democratici di Cosenza organizzano un flash mob di solidarietà al bambino immigrato di 3 anni vittima di aggressione nei giorni scorsi.
"Contro ogni fascismo e razzismo, testimoniamo - è scritto in una nota - la nostra condanna a violenza e intolleranza proprio nel luogo dove è avvenuto. Occorre ritrovarsi, costruire, stare insieme perché l'unica via percorribile per liberare le città e i quartieri dalla violenza razzista è esserci. 'Prima di essere un vero italiano, cerca di essere umano'. #stayhuman". 

Intanto proseguono gli attestati di solidarietà. Stamattina ho fatto visita al bimbo che è stato brutalmente aggredito nei giorni scorsi a Cosenza. Un bambino dolcissimo attorniato dall'affetto dei suoi fratellini, della mamma e del papà. A lui e alla sua famiglia ho espresso la mia totale vicinanza e quella di tutta la comunità mendicinese che da Sindaco rappresento, e la nostra più grande solidarietà". Lo afferma in una nota il sindaco di Mendicino Antonio Palermo.
"Episodi del genere - prosegue - sono da condannare senza se e senza ma, specie se perpetrati nei confronti di bambini piccoli e indifesi. Spero che al più presto i responsabili vengano puniti per le loro vili azioni. Mendicino condanna ogni forma di violenza e di razzismo, sempre, perché è Città di pace, accoglienza, integrazione e solidarietà".

Banner

"L'assurda vicenda accaduta a #Cosenza nelle scorse ore è un dolore immenso per tutti. Fa male il clima di odio che si traduce in un atto di violenza contro un bambino innocente a cui va il mio abbraccio e quello di tutti i calabresi, da sempre popolo che accoglie". Lo scrive su Twitter il senatore Pd Ernesto Magorno.

Banner

"Sono felice che gli investigatori della Squadra Mobile di Cosenza siano riusciti ad individuare in poco tempo e denunciare la coppia che si è resa responsabile della violenta aggressione a un bimbo di tre anni di origine marocchina. Un episodio agghiacciante, una gesto gravissimo non solo perché, secondo quanto emerge dalle testimonianze, a rendersene responsabile è un giovane padre, ma soprattutto perché rivolto contro una creatura responsabile solo di un innocente slancio di tenerezza o di semplice curiosità verso un altro bimbo. La reazione brutale del giovane non può trovare alcuna comprensione, né è degna di un popolo civile e accogliente come quello calabrese: spero che riceva una condanna esemplare. Il mio pensiero e la mia vicinanza vanno al piccolo, perché le sue ferite guariscano presto e perché la sua tenera età lo aiuti a non portare con sé i segni di questo episodio, e alla sua famiglia, al dolore di una madre che ha dovuto assistere ad un vergognoso episodio di violenza razzista e di miseria umana nei confronti dei propri figli".

Banner

A scriverlo in un post su Facebook il deputato di Fratelli d'Italia Wanda Ferro. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner