Caro bollette, Tassone (MI): "L'impatto di rincari su famiglie e imprese sarà devastante, se non addirittura insostenibile"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Caro bollette, Tassone (MI): "L'impatto di rincari su famiglie e imprese sarà devastante, se non addirittura insostenibile"

  12 settembre 2022 17:51

"Il caro bollette, tra le altre, sarà la prima causa della crisi economica e sociale che nei prossimi mesi investirà la nostra Nazione.

Gran parte delle imprese e delle famiglie si ritroveranno a fare i conti con un periodo di crisi economica profonda che neanche la ‘passata’ pandemia ha causato!

Banner

Ma siamo sicuri che tutto questo è stato conseguenza della guerra tra Ucraina e Russia?

Banner

La politica cosa fa e cosa potrebbe fare per evitare ciò?

Banner

E poi, chi è che vince in guerra? Di sicuro ne usciremo tutti sconfitti, anche chi interviene solo con l’applicazione di sanzioni, e chi ‘semplicemente’ invia armi!

Ma chi l’ha voluta realmente questa guerra nella quale anche l’Italia si è trovata coinvolta?

E poi, è stato chiesto a NOI Italiani se volessimo intervenire e con quali modalità? Eppure la Nostra Costituzione sancisce che l’Italia ripudia la guerra! Eppure NOI Italiani avremmo potuto e soprattutto voluto di sicuro partecipare solamente assicurando assistenza e accoglienza ai popoli in guerra, perché il POPOLO Italiano è un popolo altruista, accogliente, accogliamo davvero tutti!

E allora perché far subire agli italiani gli effetti di una guerra che non avremmo MAI voluto e che ripudiamo?

Certo, facciamo parte dell’Unione Europea, della Nato, organizzazioni superiori che prima di farci entrare in guerra avranno di sicuro valutato gli effetti ricadenti sui singoli Stati ad esse appartenenti, e di sicuro non staranno a guardare ma ci garantiranno tutto il supporto necessario nel momento in cui sprofonderemo in una crisi sociale ed economica memorabile!

Quindi ai ristoratori ed albergatori che soprattutto in Calabria, dopo la pandemia, hanno respirato aria di ripartenza lavorativa e che a fine stagione hanno dovuto versare quanto guadagnato, se non di più, alle società fornitrici di energia elettrica e gas; alle piccole imprese che non riescono più ad andare avanti perché sì, la Calabria è fatta di tante piccole realtà imprenditoriali; alle grandi aziende come la ditta Callipo di Maierato (VV) che ha dovuto mettere in cassa integrazione ben 232 dei propri dipendenti perché non riesce ad affrontare tutte le spese energetiche da affrontare per la produzione; alle scuole, alle strutture sanitarie, a tutte le realtà imprenditoriali, ma a ciascuna famiglia, Meritocrazia Italia Calabria, oltre a dimostrare la massima solidarietà, suggerisce di non mollare la presa, di credere che di sicuro qualcosa verrà fatto da chi ci governa per non cadere nel baratro.

Ma, nel frattempo che a livello nazionale e oltre, si cerca la soluzione ad un problema globale, Meritocrazia Italia Calabria lo affronta, a livello regionale, cercando di fornire proposte risolutive, in attesa che dall’alto qualcuno ci tenda la mano.

La Calabria (ma non solo!), potrebbe approvvigionarsi in maniera notevole di energia alternativa sfruttando la BIOMASSA. Ebbene sì, questo metodo, rispetto alle altre forme di energia rinnovabile, è quello che garantisce stoccaggio ed erogazione continua, semplicità tecnologica e costi ridottissimi.

Il termine ‘biomassa’ definisce qualsiasi materia organica; può trattarsi, ad esempio di cascami dell'industria, di residui di lavorazioni agricole e forestali, di legname da ardere, di scarti dell'industria agroalimentare, di sterco e reflui degli allevamenti, di oli vegetali, rifiuti urbani, ma anche specie vegetali coltivate di proposito, come il pioppo, il miscanto, o altre essenze e specie a crescita rapida e di facile coltivazione, adatte allo scopo. L’innovazione nel settore della biomassa riesce a soddisfare due esigenze: 1) produzione di energia senza inquinamento; 2) benefici in termini economici nei territori dove gli impianti sono attivi.

E allora, si invitano i nostri amministratori ad approfondire l’argomento che, soprattutto con le risorse del Pnrr potrebbero creare un nuovo canale di approvvigionamento delle fonti energetiche per risolvere a livello locale/regionale problematiche a cui la politica nazionale ed europea ancora oggi non è riuscita a dare risposte.

Infatti, Luana Tassone, in qualità di Consigliere regionale di MI è disponibile anche con le professionalità che hanno aderito a Meritocrazia Italia Calabria, esperte della materia, ad un confronto con gli amministratori a livello locale/regionale, sulla possibilità di sviluppare uno studio su questi metodi alternativi di approvvigionamento energetico, per dare un contributo che parta dal basso e che provi a dare risposte in termini di possibili soluzioni a problematiche attuali e generalizzate, quale è l’attuale crisi energetica!"

 

                                                                        Luana Tassone

                                                                     Consigliere Regionale

                                                               Meritocrazia Italia Calabria

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner