Cosenza, all'ospedale "Annunziata" un nuovo anticorpo monoclonale per la cura di rarissima leucemia

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Cosenza, all'ospedale "Annunziata" un nuovo anticorpo monoclonale per la cura di rarissima leucemia
L'ospedale Annunziata di Cosenza

L'Annunziata uno dei pochi centri ad impiegare la nuova terapia, ceduta gratuitamente dalla casa farmaceutica. Il monoclonale funziona ma non è rimborsato dal Sistema Sanitario Nazionale. Paziente in remissione completa

  13 luglio 2022 13:29

Ha avuto successo la terapia con un nuovo anticorpo monoclonale, somministrata ad un paziente affetto da neoplasia blastica a cellule dendritiche plasmocitoidi (BPDCN), una rarissima forma di leucemia, dall’esito infausto.

Il paziente, giunto nell’UOC di Ematologia, diretta dal dr Massimo Gentile,   con una  lesione cutanea sulla coscia, è stato sottoposto ad una biopsia in esito alla quale è stata diagnosticata la malattia molto rara e inevitabilmente mortale se non trattata con la chemioterapia ed il trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche

Banner

“Per la neoplasia blastica a cellule dendritiche – ha spiegato il dr Gentile - la chemioterapia non si è dimostrata   efficace, rendendo difficile, se non impossibile, l’esecuzione del trapianto. L’unico farmaco in grado di indurre una remissione della malattia è il Tagraxofusp, un anticorpo monoclonale innovativo diretto contro una proteina espressa dalle cellule leucemiche, il CD123” .

Banner

Il farmaco seppure indicato prioritariamente per la cura di questa forma di leucemia, non è rimborsato  dal Sistema sanitario Nazionale ed ha  costi molto elevati.

Banner

La somministrazione terapeutica è stata resa possibile grazie all’intervento dell’ azienda farmaceutica, la Clinigen che ha messo a disposizione gratuitamente il farmaco di nuova generazione.

Il paziente, dopo aver eseguito un solo ciclo di terapia è in remissione completa, e, grazie a questo trattamento potrà eseguire il trapianto allogenico di cellule staminali.

Soddisfatto il direttore della UOC, Massimo Gentile che, nel ringraziare la casa farmaceutica per la disponibilità dimostrata, ha riconosciuto “il proficuo lavoro di equipe (Dr Ernesto Vigna, Dr.ssa Antonella Bruzzese, Dr Eugenio Lucia, Dr.ssa Enrica Martino, Dr Francesco Mendicino, Dr.ssa Virginia Olivito e tutto il personale infermieristico e ausiliario) che ha consentito il raggiungimento di questo importante traguardo”.

“Ad oggi – ha concluso Gentile -  pochi casi sono stati trattati in Italia con questa terapia innovativa, che restituisce speranza ai pazienti affetti da tale malattia. L’augurio è che in breve tempo si possa ottenere la rimborsabilità di tale farmaco e quindi l’accessibilità al trattamento a tutti i pazienti affetti da tale rara e grave forma di leucemia.”

 

“Un successo – ha commentato il Commissario Straordinario dr Gianfranco  Filippelli  - che dimostra come nonostante le criticità e le enormi difficoltà che sta affrontando questa Azienda,    l’Ematologia dell’Annunziata  sa stare, nei percorsi scientifici, avvantaggiandosi delle terapie innovative, contribuendo a supportare con dati clinici il progresso  farmacologico”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner