Da mesi senza stipendio. A Cosenza i lavoratori delle Cooperative sociali protestano davanti alla sede del Comune

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Da mesi senza stipendio. A Cosenza i lavoratori delle Cooperative sociali protestano davanti alla sede del Comune
Il Comune di Cosenza

E' in corso una riunione in Comune con l'assessore regionale Domenica Catalfamo, l'assessore comunale Alessandra De Rosa e i rappresentanti del sindacato Usb e del comitato Prendocasa

  25 marzo 2021 12:34

Protestano davanti alla sede del Comune di Cosenza alcuni rappresentanti dei quattrocento lavoratori delle Cooperative sociali di tipo B a Cosenza. Da tre mesi i lavoratori lamentano di non essere retribuiti nonostante, dicono, la spesa relativa alle cooperative sia presente nel bilancio comunale.

"Subiamo - ha raccontato uno dei manifestanti- azioni di mobbing sul posto di lavoro oltre che l'assenza totale di chiarezza e comunicazione da parte dell'ente. Vanno individuate immediatamente delle soluzioni che ci permettano di ricevere le retribuzioni arretrate, di avere pagamenti puntuali, migliori condizioni di lavoro e soprattutto risposte chiare sul nostro futuro lavorativo".

Banner

Intanto, è in corso una riunione in Comune con l'assessore regionale Domenica Catalfamo, l'assessore comunale Alessandra De Rosa e i rappresentanti del sindacato Usb e del comitato Prendocasa. "Lo avevamo previsto un anno fa - ha dichiarato Ferdinando Gentile sindacalista - perché il dissesto produce solo difficoltà alle fasce più deboli. Chiediamo il rifinanziamento della voce di bilancio riferita all'emergenza abitativa come soluzione tampone e una programmazione più seria per la definizione del problema". Inoltre, all'assessore Catalfamo è stato chiesto anche un impegno della Regione per rifinanziare l'intero sistema del welfare cosentino. 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner