Diritto alla salute, lavoro e sicurezza sociale; le proposte dell’Associazione "Giorgio La Pira" di Cosenza

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Diritto alla salute, lavoro e sicurezza sociale; le proposte dell’Associazione "Giorgio La Pira" di Cosenza
Antonio Belmonte
  18 giugno 2024 12:08

Il notevole impegno profuso dal Presidente Roberto Occhiuto e dalla sua squadra di Assessori, nel risollevare le condizioni di vivibilità della nostra terra, anche in relazione alla rinnovata immagine della Calabria come territorio in cui si possono apprezzare le numerose eccellenze, rappresenta un punto di rottura rispetto a coloro che in precedenza hanno amministrato la regione. Al centro della proposta dell’Associazione insistono, soprattutto, i temi del Diritto alla salute, del Lavoro e della Sicurezza sociale. L'aver costituito, ad esempio, le premesse affinché l'Università della Calabria potesse legarsi, indissolubilmente, alle migliori risorse umane del territorio, fra cui i giovani laureati, grazie, in primo luogo, all’istituzione del nuovo Corso di laurea in Medicina, con l’apertura degli hub di ricerca tecnologica, attraverso la realizzazione di una piattaforma analoga all'esperienza della Silicon Valley, costituisce un ulteriore punto di merito da attribuire all'attuale Governance regionale.
«In qualità di Presidente dell'Associazione Culturale Giorgio La Pira di Cosenza, nonché di Coordinatore dell'Osservatorio Permanente sulle nuove povertà - dichiara Antonio Belmonteritengo sia necessario dare un contributo, di idee anche per fare da stimolo alle più alte espressioni istituzionali della regione, sulle problematiche socio-economiche che pesano sulle tante famiglie calabresi». Diventa, così, necessaria l'immediata realizzazione del nuovo Ospedale di Cosenza-Rende, tale da coniugare l'avviato percorso Accademico e di ricerca scientifica, sia con la città che con i cittadini, sino a preservarne il bene primordiale della Salute pubblica. «In Calabria può avviarsi, a mio giudizio, un nuovo percorso dalle infinite possibilità - dice ancora Belmonte -. Una sorta di New Deal che dia opportunità di lavoro, in grado di favorire prospettive concrete e di elevato profilo sociale».
I Calabresi, oltretutto, guardano con attenzione e sanno valutare l'impegno delle istituzioni regionali, per debellare le condizioni ostative dei diritti fondamentali della persona. «Il tempo è propizio - conclude, infine, il Presidente dell’Associazione Giorgio La Pira - serve coglierlo, metterlo a frutto senza indugio e senza timori. Credo fermamente che la Calabria non sia l’eterna incompiuta, anzi con l’impegno dell’attuale Presidente Occhiuto e della sua squadra di Governo, sia stato introdotto un metodo innovativo che ha nella voglia di riscatto dei calabresi il suo punto di forza».

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner