Donna morta di parto a Cetraro, l'U.Di.Con. si costituirà parte civile

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Donna morta di parto a Cetraro, l'U.Di.Con. si costituirà parte civile
L'ospedale di Cetraro
  22 luglio 2019 17:20

La morte di una donna che aveva appena partorito il suo bambino a Cetraro fa ancora discutere. Il caso sembra aver riaperto la ferita della malasanità e L’Unione per la difesa dei consumatori sta valutando l’ipotesi di costituirsi come parte civile nel futuro processo per la morte della giovane mamma. A renderlo noto il responsabile provinciale di Cosenza, Ferruccio Colamaria, che insieme al presidente nazionale dell’U.Di.Con. Denis Nesci, «solidarietà e vicinanza alla famiglia per la grave e ingiusta perdita».

Per Colamaria, «la sanità calabrese continua a mietere vittime e nonostante l’allarme e le denunce di cui continuiamo, insieme ad altri, a farci portavoce, la situazione non si smuove di un . centimetro in avanti. Anzi, ogni volta sembra che si vada indietro».

Banner

Durissimo Nesci: «Ci si attiva sempre dopo una grande tragedia questa volta dopo che una giovane mamma ha perso la vita lasciando orfani due bambini piccoli. È sbagliato il metodo, sono sbagliati i tempi di questo sistema sanitario che fa acqua da tutte le parti e che in nessun modo garantisce diritti agli utenti. La task force di ispettori che inviato nel reparto del presidio incriminato non potrà dare risposte alla famiglia».

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner