Estate Calovetese. Grande partecipazione di pubblico, il Sindaco: "Vivere il borgo per riappropriarsi di normalità"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Estate Calovetese. Grande partecipazione di pubblico, il Sindaco: "Vivere il borgo per riappropriarsi di normalità"

  02 settembre 2021 12:27

Promuovere anche piccoli momenti di aggregazione e socialità, quelli che tanto ci sono mancati nel lungo inverno che ci siamo lasciati alle spalle, significa riappropriarsi degli spazi e del senso autentico di una piccola comunità dell’entroterra: condivisione, partecipazione, confronto e crescita.

Banner

È quanto dichiara il Sindaco Umberto Mazza ringraziando il mondo dell’associazionismo ed in particolare la Pro Loco per l’importante e prezioso contributo offerto nella programmazione socio-culturale estiva conclusasi con successo nei giorni scorsi ed il consigliere comunale delegato alla cultura e allo spettacolo Paolo Laurenzano per avere seguito tutte le fasi organizzative.

Banner

Banner

Tra arte, cultura, sport e spettacolo, sono stati in totale 18 gli eventi che hanno animato l’estate calovetese.

Destinate alla riscoperta dei valori e del territorio, le varie iniziative hanno permesso anche e soprattutto ai più piccoli di venire a contatto con le tradizioni e la storia.

Abbiamo lavorato – aggiunge il Primo Cittadino - ad un'offerta estiva variegata e destinata a tutte le fasce d’età. Siamo felici che la risposta dei concittadini e dei tanti turisti incuriositi sia stata ampia e positiva. Questo – conclude – rappresenta un segnale forte e positivo per l’intero territorio, in termini di socialità e ripresa post covid.

Sono state tante e partecipate le manifestazioni che si sono avvicendate nel borgo. Dallo sport con i balli in piazza ed i tornei di calcetto e calciobalilla, alla magia, ai giochi tradizionali, alla corrida, passando per i concerti di musica con i Social Sound Live Band, i Parrilla Band e lo Show di Ernesto Gagliardi.

È stata alta anche l’attenzione verso il mondo della cultura, con la presentazione del libro di Letizia Guagliardi Il Sussurro di un Vento Leggero; con particolare riguardo al Premio calovetesi nel Mondo, conferito a Padre Vincenzo Cosenza ed a Giovanni Comite, per essersi distinti in Italia e nel mondo, tenendo alto il nome ed i valori di Caloveto.

Ma ai bambini è stata dedicata un’intera fetta di programmazione, dai tre giorni di centri estivi tra gonfiabili, animazione e mascotte, ai giochi dedicati, all’evento con il Cappellaio Matto.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner