Fratelli del Vibonese uccisi in Sardegna. Gli avvocati di Joselito e Michael Marras: "Assoluzione per l'allevatore e il figlio"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Fratelli del Vibonese uccisi in Sardegna. Gli avvocati di Joselito e Michael Marras: "Assoluzione per l'allevatore e il figlio"

  13 luglio 2021 19:39

Prosegue a Cagliari, il processo a carico di Joselito e Michael Marras, padre e figlio di 53 e 28 anni,  accusati di duplice omicidio volontario ed occultamento dei cadaveri dei due fratelli originari di San Gregorio d'Ippona, nel  Vibonese,  Davide e Massimo Mirabello, di 40 e 35 anni uccisi in Sardegna. Per loro,  il pm  Gaetano Porcu, nelle scorse udienze  ha chiesto la pena di 20 anni  mentre  per  Stefano Mura, il terzo imputato,  la richiesta è stata di 2 anni e 8 mesi di reclusione . 

LEGGI ANCHE QUI. Fratelli del Vibonese uccisi in Sardegna: il pm chiede 20 anni per l'allevatore e il figlio

Banner

Oggi hanno parlato le difese degli imputati maggiori: l'avvocato  Monni per Joselito Marras e l'avvocato  Rovelli per il figlio Michael Marras.

Banner

In aula oggi era presente anche Joselito Marras oltre al figlio Michael. Presenti gli avvocati Trullu e Perra per l'imputato Stefano Mura; per le parti civili l'avvocato. Gianfrancesco Piscitelli in sostituzione anche dei colleghi Sorbilli e Spada. Assenti gli altri due difensori di parte civile l'avv. Alessandrini e la moglie Alessandra.

Banner

Dopo quasi 4 ore di arringa totali, l'avv. Monni  per Joselito Marras ha concluso chiedendo l'assoluzione dal duplice omicidio per legittima difesa data da imminente pericolo di vita ed in subordine ha invocato la provocazione mentre per i reati minori ha chiesto l'applicazione del minimo della pena. L'avv. Rovelli per Michael Marras ha chiesto invece l'assoluzione piena per tutti i reati sostenendo la totale estraneità del suo assistito  per i reati contestati.

Prossima udienza fissata per il 20 luglio per repliche e sentenza.  

Al termine dell'udienza l'avv. Piscitelli ha dichiarato: " Non mi ha meravigliato per niente la linea difensiva. Era l'unica strada percorribile. La ricostruzione fattuale è contestabilissima perchè priva di riscontri e quelli sostenuti sono chiaramente - ad usum delphini - Spero che dopo le repliche si giunga ad una verità vera per dare giustizia a questi due poveri ragazzi. I familiari hanno ancora  fiducia nella giustizia".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner