Fratelli vibonesi uccisi in Sardegna. Le sorelle: "Vogliamo verità e giustizia". L'avv. Piscitelli: "Vicini alla svolta"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Fratelli vibonesi uccisi in Sardegna. Le sorelle: "Vogliamo verità e giustizia". L'avv. Piscitelli: "Vicini alla svolta"
L'avvocato Piscitelli con le sorelle Mirabello
  20 ottobre 2020 10:43

Un mazzo di fiori. Adagiato sulla terra, proprio lì dove vennero ritrovati i resti dei fratelli di San Gregorio D'Ippona, Davide e Massimiliano Mirabello uccisi il 9 febbraio scorso a Dolianova, in Sardegna, dove le famiglie si erano trasferite da tempo.  

Banner

LEGGI ANCHE. Fratelli del Vibonese uccisi in Sardegna: a Davide una fucilata al collo, a Massimiliano un colpo in testa. Poi lasciati in pasto ai cinghiali

Banner

Eleonora, Caterina e Didi Mirabello, le  sorelle di Davide e Massimiliano  sono tornate nel paese sardo accompagnate dall'avvocato Pierfrancesco Piscitelli per rendere omaggio ai fratelli.  Sono arrivate ieri e sono ripartire nella stessa giornata .

Banner

Vogliono verità e giustizia " non ci arrendiamo - hanno sottolineato -  abbiamo fiducia nel magistrato che cura le indagini e negli avvocati e consulenti che ci assistono".

"Ci siamo incontrati  per fare il punto sulle indagini difensive ed avere dei riscontri su alcuni punti essenziali. Sono sempre più convinto della premeditazione e della partecipazione attiva di altri soggetti oltre i Marras. La verità  è sempre più vicina" ha spiegato l'avvocato Piscitelli.

LEGGI ANCHE QUI. Fratelli vibonesi uccisi in Sardegna, giallo sul coltello ritrovato in un cespuglio diverso da quello consegnato da Mura

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner