Giornata del cane. Anzaldi (Iv): “Randagismo grave problema, Governo cerchi soluzioni”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Giornata del cane. Anzaldi (Iv): “Randagismo grave problema, Governo cerchi soluzioni”
Michele Anzaldi
  27 agosto 2021 15:15

“Nella Giornata internazionale del Cane è doveroso ricordare il gravoso problema del randagismo, che da una parte si traduce in condanna all’ergastolo per decine di migliaia di cani che finiscono nei canili e dall’altra significa un dispendio miliardario di risorse pubbliche. Il presidente Draghi, la cui sensibilità nei confronti dei cani è nota a tutti, trovi il coraggio insieme ai ministri competenti Speranza e Patuanelli per mettere in campo soluzioni concrete: serve un censimento chiaro della situazione e la messa in campo di strumenti che tutelino davvero i cani ed evitano utilizzi miliardari di risorse pubbliche”. Lo scrive su Facebook il deputato di Italia Viva Michele Anzaldi.

Tragedia a Satriano, individuato il pastore del gregge a cui i cani facevano da guardia

“Ogni cane ospitato nei canili – prosegue Anzaldi – ha un costo di circa 7mila euro all’anno, solo nel 2020 ci sono stati circa 120mila nuovi ingressi per un costo totale stimato di 840 milioni di euro. In Italia si stimano circa 500-700mila cani randagi, se tutti fossero ospitati nelle strutture dedicate avremmo un costo per gli enti pubblici tra i 3,5 e i 5 miliardi di euro all’anno. Per questo è urgente trovare una soluzione. Nella passata legislatura avevo presentato una proposta per tassare i cani che non vengono sterilizzati, in modo da ridurre il numero di nuovi nati che poi, in gran parte, finiscono inevitabilmente a ingrossare le file del randagismo, soprattutto al Sud. Era, appunto, una proposta, ce ne sono delle altre. Di certo non possiamo permetterci di lasciare le cose come stanno, con il rischio che intorno all’accoglienza dei randagi si crei un business malato, a spese pubbliche, sulla pelle dei cani stessi, costretti per mesi e mesi, se non addirittura per tutta la loro vita, in una condizione di vera e propria tortura”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner