Gli agronomi chiedono alla Regione il riconoscimento dello stato di emergenza climatica

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Gli agronomi chiedono alla Regione il riconoscimento dello stato di emergenza climatica
Emergenza climatica
  06 settembre 2019 17:29

Secondo il rapporto “Climate change adaptation in the agricultural sector in Europe” della European Environment Agency (EEA) del 3 settembre 2019, l’adattamento al cambiamento climatico deve essere una priorità assoluta soprattutto per il settore agricolo dell’Unione europea al fine di migliorare la resilienza a eventi estremi, sempre più frequenti e intensi, come siccità, ondate di calore e inondazioni.

Se ciò non avverrà, la produzione agricola e quella animale, di alcune zone delle regioni meridionali e mediterranee dell’Europa, diminuiranno e molte potrebbero persino dover essere abbandonate. Tale impatto negativo ha portato, evidenzia il report dell’EEA, a raccolti più poveri e costi di produzione più elevati, incidendo sul prezzo, sulla quantità e sulla qualità dei prodotti agricoli in alcune parti del Sud Europa. Risultano, quindi, necessarie ulteriori conoscenze, innovazione e sensibilizzazione per migliorare l’uso delle misure di adattamento già disponibili, come l’introduzione di colture adattate, migliori tecniche di irrigazione, l’agroforestazione, diversificazione delle colture o l’agricoltura di precisione.

Banner

Queste pratiche determineranno una riduzione delle emissioni di gas serra e di inquinanti atmosferici, e favoriranno una migliore gestione del suolo, delle risorse idriche e della terra, che contribuirà a preservare gli ecosistemi locali e la biodiversità. “Nonostante alcuni progressi, è necessario fare molto di più affinché il settore stesso si adatti, in particolare a livello di azienda agricola; e le future politiche europee, nazionali e regionali devono essere progettate in modo da facilitare e accelerare la transizione”, ha affermato Francesco Cufari, presidente della Federazione degli ordini dei dottori agronomi e dottori forestali della Calabria.

Banner

Proprio per tale motivo, la Federazione, lo scorso 13 agosto ha inoltrato al Governatore della Regione Calabria, al presidente del Consiglio Regionale e a tutti i componenti della Giunta e del Consiglio una richiesta di riconoscimento dello stato di emergenza climatica affinché la Regione Calabria intraprenda un dialogo istituzionale con gli enti governativi nazionali e europei per l’attuazione di provvedimenti per la riduzione d’impatto del cambiamento climatico e, in particolare, volti alla riduzione delle emissioni di gas serra con scelte che incentivino il risparmio energetico e la gestione sostenibile delle foreste. “Ad oggi però non abbiamo avuto nessuna risposta da parte dell’Istituzione regionale – conclude Cufari – ad eccezione del consigliere regionale e componente della commissione Ambiente, Arturo Bova, promotore recentemente di una mozione sull’emergenza climatica e ambientale, che mi ha contattato telefonicamente per l’organizzazione di un prossimo incontro al fine di pianificare azioni qualificate a difesa dell'ambiente e del clima. Attendiamo quindi, un segnale da chi ci governa, sottolineando come sia necessario impegnarsi anche ad informare e sensibilizzare i cittadini sul cambiamento climatico, sulle sue cause e sulle misure che mirano a contrastarlo così per come sta facendo questo Ordine professionale.”



Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner