Igiene ambientale, Tavernise (M5S): "A Crosia si calpesta la dignità dei lavoratori"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Igiene ambientale, Tavernise (M5S): "A Crosia si calpesta la dignità dei lavoratori"
Davide Tavernise

"Nel nuovo bando a parità di mansione, disparità di salario. È una mortificazione"

  23 febbraio 2024 12:43

Di seguito le dichiarazioni del Consigliere Regionale e capogruppo del Movimento 5 Stelle, Davide Tavernise.

"Si può continuare a risparmiare sulla dignità dei lavoratori? È una domanda che voglio porre all’amministrazione comunale di Crosia, in un periodo storico che vede il mondo del lavoro scosso per le tante grandi e piccole ingiustizie che lo contraddistinguono, tra mancanza di sicurezza e di tutele che riguardano da vicino le condizioni di lavoro di persone che svolgono mansioni importantissime per la nostra società.

Banner

Il caso della nuova gara per la gestione del servizio di igiene ambientale è emblematico di un modo di fare che in funzione di un presunto risparmio per l’ente, va a ledere i diritti e la dignità dei lavoratori.

Banner

Primariamente mi preme sottolineare che nel bando in questione ci sono dei passi in avanti: un solo contratto collettivo di lavoro, il CCNL Fise al posto del CCNL Multiservizi, e la clausola sociale per la continuità lavorativa dei dipendenti. 

Banner

Poi però entrano in gioco delle pericolose clausole, che hanno già creato malcontento tra i lavorati perché intravedono il rischio, più che concreto, di incomprensibili diseguaglianze. Non si capisce infatti perché a parità di mansioni svolte i livelli contrattuali di alcuni dipendenti non siano omogenei. Nel bando di gare 11 Operatori ecologici dovranno lavorare per 30 ore settimanali, inquadrati nel secondo livello contrattuale, mentre altri 6 Operatori saranno impiegati per 24 ore settimanali, per di più inquadrati nel livella contrattuale più basso. Questo particolare determinerà compensi squilibrati, a partita di servizio svolto.

Sembra una contraddizione in termini, dove il presunto guadagno dell’ente per questo bando al ribasso non va a vantaggio dei cittadini, che continuano a pagare la stessa Tari, né tanto meno dei lavoratori che, anzi, vengono mortificati senza giustificazione alcuna.

Mi unisco quindi alle richieste dei lavoratori e delle sigle sindacali che chiedono di sospendere la decorrenza dei termini del bando di gara".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner