Il primo anno di Covid all'ospedale Pugliese: 4 mila ricoveri e 14 mila accessi al pronto soccorso in meno

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Il primo anno di Covid all'ospedale Pugliese: 4 mila ricoveri e 14 mila accessi al pronto soccorso in meno
Azienda Ospedaliera "Pugliese Ciaccio", Catanzaro
  30 giugno 2021 23:07

Il Covid-19 ha stravolto l’attività negli ospedali. Con reparti convertiti e la massima attenzione rivolta a contrastare il virus è inevitabilmente cambiata la sanità ‘ordinaria’. L’ospedale Pugliese-Ciaccio, nel primo anno della pandemia, ha registrato una riduzione di circa 14 mila accessi al pronto soccorso rispetto al 2019 (ultimo anno senza Covid), 4 mila ricoveri e 200 mila prestazioni di specialistica ambulatoriale in meno. E’ quanto emerge dalla relazione di gestione allegata al bilancio consuntivo del Pugliese-Ciaccio che ha fatto registrare una perdita di 54,2 milioni di euro (LEGGI QUI I DETTAGLI).

“Sono stati effettuati infatti, nel 2020, 42.053 accessi di Pronto Soccorso a fronte dei 56.279 del 2019. In particolare, si è registrato un netto calo degli accessi in codice verde (urgenza differibile) a riprova del timore da parte dell’utenza di recarsi in Ospedale se non per urgenze indifferibili”, si legge nel documento redatto dall’azienda ospedaliera di Catanzaro.” Nello specifico, il 40,12% degli accessi sono stati in ‘codice giallo’, il 31,88% in ‘codice bianco’, il 3,52% in ‘codice rosso’ ed il 19,26% in ‘codice verde’ (residua un 5,21% non classificato). I ricoveri nei reparti, a seguito di accesso in Pronto Soccorso, sono stati il 23,58 % con aumento di quasi 5 punti percentuali, rispetto al 2019, a riprova che nell’anno 2020, a causa del timore di contrarre l’infezione da coronavirus, gli accessi in Pronto Soccorso hanno riguardato prevalentemente le prestazioni effettivamente più urgenti ed una casistica di patologie più severe”.

Banner

Nell’anno 2020, l’attività di ricovero ha subito una contrazione rispetto all’anno 2019, sia a causa della sospensione dell’attività programmata per buona parte dell’anno, come già detto in premessa, sia per la rimodulazione di posti letto resasi necessaria per far fronte all’emergenza COVID-19. Alla data del 30/04/2021 risultano valorizzati, con chiusura delle relative SDO (Schede di Dimissione Ospedaliera) n. 23.715. Ulteriori 1.247 SDO sono in attesa di essere validate dalla Regione. I dati evidenziano quindi una riduzione di oltre 4.000 ricoveri rispetto al 2019, pari a -15,51%, con un corrispondente minor valore economico di circa 6,5 milioni di euro. Va detto comunque che è aumentato il peso dei ricoveri, con una media di 1,31 contro l’1,26 dell’anno precedente. (g.r.)

Banner

Infine, l’attività ambulatoriale, anch’essa condizionata dall’emergenza COVID-19 e dalle correlate sospensioni delle prestazioni con priorità non urgente sia nel trimestre Marzo-Maggio che nel mese di Novembre e in parte Dicembre, ha fatto registrare un calo delle prestazioni erogato pari a circa 200.000 prestazioni in meno rispetto all’esercizio 2019 (n.738.390 nel 2020 a fronte delle 929.720 effettuate nel 2019). (g.r.)

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner