"Il sistema", un calcio alle regole: ecco come i clan gestivano un impianto sportivo di Cosenza

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "Il sistema", un calcio alle regole: ecco come i clan gestivano un impianto sportivo di Cosenza

  01 settembre 2022 16:35

"Gli indagati gestivano le attività del campetto in piena autonomia". Il gup Alfredo Ferraro ha bollato così la vicenda del campetto di Cosenza, affidato ad una associazione sportiva dilettantistica e che è finita al centro dell'operazione "Sistema", eseguita oggi dalla Dda di Catanzaro e che ha portato a centinaia di arresti a Cosenza. Nel mirino sono finiti cosche e politica. 

Per il campo di calcio ad essere contestato è il trasferimento fraudolento di valori relativo agli impianti sportivi che sarebbe stato gestito dagli indagati Maione Massimo Giuseppe, Piromallo Mario e suo figlio Piromallo Giuseppe.

Secondo l'accusa, Piromallo attuava questo piano proprio "al fine di dissimulare la riconducibilità dell'attività a lui stesso, consapevole dei rischi di sequestro e confisca. Tale elemento, del resto, si desume agevolmente dal fatto che i campetti sportivi non erano l'unica attività di fatto riconducibile al Piromallo ma formalmente intestata ad altri, sicché emerge come lo stesso così facendo adoperava un vero e proprio modus operandi al fine di arricchirsi senza esporsi ad alcun rischio. Parimenti, tali considerazioni vanno riferite anche ai concorrenti Piromallo Giuseppe e Maione Massimo Giuseppe, nonché al Cariati"

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner