In un "libro-scrigno" i gioielli orafi della famiglia Spadafora

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images In un "libro-scrigno" i gioielli orafi della famiglia Spadafora

  24 agosto 2019 20:12

CAMIGLIATELLO SILANO (COSENZA),- "Collezione Ori antichi della Famiglia Spadafora. Maestri orafi in San Giovanni in Fiore" è il titolo del libro, curato da Rosa Romano ed edito da Rubbettino, presentato a Camigliatello Silano nell'ambito della 18/ma edizione di "Incontri nel Parco Old Calabria". Oltre all'autrice Rosa Romano, Pasquale Lopetrone, ideatore del progetto scientifico e grafico del volume a stampa, sono intervenuti Giancarlo e Monica Spadafora in rappresentanza della famiglia Spadafora, proprietaria della collezione.

Il volume, attraverso schede tecniche e storico-artistiche, ripercorre la storia degli Spadafora, , e dell'oreficeria in Calabria, mettendo in luce i protagonisti che emergono dai documenti consultati. Oggetto delle schede è una raccolta di oreficeria popolare calabrese fra Ottocento e Novecento, che il Mibact ha riconosciuto come patrimonio dell'arte italiana e che presto diventerà un'esposizione permanente. I gioielli proposti sono stati analizzati da un punto di vista storico artistico e messi a confronto con l'arte europea dell'epoca, evidenziando le particolarità tipiche del territorio calabro.

Banner

La prima presentazione del "libro-scrigno" è avvenuta nelle Sale Pompeiane del Palazzo Reale di Napoli proprio a testimoniare l'importanza che, nell'ambito dell'oreficeria borbonica, riveste questa consistente collezione (più di 400 oggetti). Tutto questo grazie alla lavorazione con antiche tecniche a stampo e rifinitura a mano, a cesello o incisione, caratteristiche per le quali la Calabria possiede un'antica tradizione e che costituiscono elementi di grande interesse anche grazie ai parallelismi con gioielli tipici dell'epoca ma di diversa provenienza. Attraverso questi gioielli, inoltre, si è cercato di evidenziare la loro importanza nelle ritualità sociali e familiari e come la Calabria abbia saputo preservare, anche attraverso l'oreficeria, le proprie tradizioni culturali

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner