Intimidazione al consigliere Lacava a San Giovanni in Fiore, Giovanna Straface (IAC): "Vicinanza e solidarietà"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Intimidazione al consigliere Lacava a San Giovanni in Fiore, Giovanna Straface (IAC): "Vicinanza e solidarietà"
Giovanna Straface, coordinatore cittadino di Italia Al Centro per San Giovanni in Fiore.

La coordinatrice cittadina: “Continuare la strada della buona amministrazione sotto l'egida della legge”

  30 giugno 2022 17:37

«A nome personale e di tutti i dirigenti regionali, esprimo vicinanza e solidarietà al consigliere e capogruppo Pd, Domenico Lacava,  destinatario di un vile atto intimidatorio che mortifica tutta la Calabria». Queste le parole di Giovanna Straface, coordinatore cittadino di Italia Al Centro per San Giovanni in Fiore.

«Nell’amarezza per questo increscioso episodio – sottolinea la Straface - compiuto nei confronti di un rappresentante delle istituzioni del territorio, ribadisco la piena e totale convinzione che continuare la strada della buona amministrazione sotto l'egida della legge, è la migliore risposta contro quei pochi vigliacchi i cui atteggiamenti stridono rispetto al profondo senso di legalità che caratterizza la comunità. L’avvocato Lacava, amministratore sempre vicino alla sua gente, siamo certi non sarà affatto intimidito e saprà continuare a svolgere il Suo mandato popolare, con rinnovato vigore. La stessa solidarietà e vicinanza giunga anche alla famiglia del consigliere, nonché al proprietario del secondo veicolo coinvolto da tale ignobile atto».

Banner

Ferma anche la condanna da parte del coordinatore provinciale di Cosenza, Vincenzo Scarcello: «Mi auguro che al più presto vengano individuati questi criminali fomentatori di odio. Va detto con forza che se una persona mette in campo atteggiamenti intimidatori per far sentire la propria voce o per far prevalere il proprio pensiero, non solo commette un atto deprecabile, ma si pone al di fuori di qualsiasi schieramento politico e sociale».

Banner

«Non può e non deve – conclude Scarcello -  trovare spazio alcuno nella nostra comunità,  chi intenda utilizzare strumenti del genere in luogo del civile - seppur serrato – confronto».

Banner

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner