La magia del Natale: Gianni Morandi telefona a sorpresa all'artista catanzarese Maurizio Scicchitano

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images La magia del Natale: Gianni Morandi telefona a sorpresa all'artista catanzarese Maurizio Scicchitano
Maurizio Scicchitano, Don Piero Scicchitano e Gianni Morandi durante un incontro avvenuto l'8 maggio 2009
  21 dicembre 2019 12:38

di CLAUDIA FISCILETTI

 

Banner

Il periodo di Natale è sempre caratterizzato da un’innata gioia che coglie tutti di sorpresa, tra luci a tema e regali da fare, è il momento dell’anno in cui si ha la certezza che possa accadere una magia frutto dello spirito natalizio. Quello che ieri è successo all'autore e compositore catanzarese Maurizio Scicchitano, ad esempio, è stato senza dubbio magico ed inaspettato; erano le 12.05 della mattina quando, a sorpresa, riceve una telefonata da Gianni Morandi.

Banner

Si, Gianni Morandi, l’artista che è uno dei capi saldi della musica leggera italiana e che, nella sua lunghissima carriera fatta di successi, è riuscito ad entrare nei cuori di grandi e piccini. E’ insolito che un artista chiami di persona il diretto interessato, ma dopotutto la conoscenza tra Scicchitano e Morandi risale al 2008 e questa solida amicizia ha permesso che la telefonata si svolgesse in un clima fraterno e sereno.

Banner

Maurizio Scicchitano si dichiara entusiasta e molto felice per aver dialogato con Gianni Morandi di argomenti che riguardano non solo la passione per la musica che accomuna entrambi, ma anche di diverse questioni personali. Esattamente come farebbero due vecchi amici.

L’autore e compositore catanzarese, reduce del successo della compilation uscita lo scorso marzo, dal titolo “Regalando amore”, è ora impegnato nella realizzazione del suo nuovo album ma, nei giorni scorsi, ha fatto pervenire all'artista emiliano un suo brano inedito, chiedendo a Morandi di divenire proprio lui l’interprete della canzone intitolata “Quando hai voglia di carezze”, scritta in collaborazione con il paroliere romano Avio Focolari, che mira ad essere un inno all'amore eterno.

La risposta è giunta ieri, con la telefonata a sorpresa, in cui Morandi ha detto che per il momento non vorrebbe incidere nuovi brani.

L’interprete di successi indimenticabili come “Scende la pioggia”, “Andavo a 100 all’ora”, “In ginocchio da te”, per citarne solo alcuni, ha spiegato come l’inedito di Scicchitano avrebbe sicuramente riscosso un notevole gradimento vent'anni fa, ma oggi potrebbe non incontrare i consensi che merita, essendo cambiati i gusti degli ascoltatori.

La chiacchierata telefonica poi procede, con Gianni Morandi che ricorda una canzone che gli è rimasta nel cuore, così come per Scicchitano, dal titolo “Sono come un albero”, che affronta in modo poetico e romantico il tema sociale della disabilità. E ancora, è sempre l’artista emiliano che rivela come abbia seguito con attenzione Scicchitano quando fu ospite nel programma “I fatti vostri”, condotto da Giancarlo Magalli, e come si sia informato su un altro brano sempre scritto dall'autore catanzarese ed inciso da Massimo Ranieri, intitolato “Come puoi”, una canzone che è stata la prima dedicata ufficialmente a Papa Francesco.

Emerge sicuramente il lato di Morandi più umano e attento, il lato che va oltre l’artista, quello che ha mostrato durante la telefonata quando ha rivolto a Maurizio Scicchitano parole di grande incoraggiamento, vicinanza ed immenso affetto, per la morte di suo padre Giuseppe colpito dal morbo di Parkinson, e quando si è teneramente informato riguardo la salute dell’autore catanzarese.

Una storia natalizia questa, senza alcun dubbio, una storia che merita di essere raccontata e che vuole trasmettere come l’amicizia solida ed autentica resterà per sempre.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner