Medici cubani, Straface (FI): “Scommessa vinta da Occhiuto, misura emergenziale ma necessaria per la sanità calabrese”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Medici cubani, Straface (FI): “Scommessa vinta da Occhiuto, misura emergenziale ma necessaria per la sanità calabrese”

  28 dicembre 2022 16:09

“Orgoglio e soddisfazione. È con questi sentimenti che, nell’apprendere dell’arrivo in Calabria dei primi medici cubani a supporto del sistema sanitario regionale, constato l’ennesima sfida, lanciata e prontamente vinta, dal Presidente Roberto Occhiuto. Con determinazione e senza tentennamenti, il Presidente ha difatti portato avanti una decisione assunta a seguito dell’importante accordo sancito tra la Regione Calabria e la cooperativa “Comercializadora de Servicios Medicos Cubanos” per l’arrivo di un gruppo di professionisti cubani che lavoreranno a servizio delle Aziende Sanitarie Provinciali. Una iniziativa istituzionale dirompente e salutare per la sanità calabrese e che, fin da subito, ho accolto con grande favore”.

È quanto dichiara, in una nota, Pasqualina Straface, consigliere regionale di Forza Italia.

Banner

“L’accordo, che durerà due anni e prevede l’arrivo in Calabria di un massimo di 497 unità, come è stato ribadito più volte, si configura come un’intesa emergenziale, dettata dalle impellenti necessità di rispondere alla legittima domanda dei calabresi di cura e assistenza, che non rappresenta certamente la soluzione definitiva e ideale per far fronte alle esigenze della sanità calabrese. Nell’augurarci che il nuovo Governo possa intervenire celermente per semplificare il quadro normativo e permettere nuove e cospicue assunzioni, la Calabria, come evidenziato dal Presidente Occhiuto, in questo momento non ha un problema di deficit, poiché potrebbe assumere subito fino a 2mila medici, ma ha le mani legate, a causa delle grandi difficoltà burocratiche ancora oggi persistenti in Italia. Nonostante tutto ciò – prosegue Straface – il Presidente Occhiuto ha avviato una significativa e ormai improcrastinabile stagione di concorsi pubblici per l’immissione, negli ospedali della nostra regione, di giovani e qualificate figure professionali. L’arrivo, frattanto, dei primi medici cubani, nel solco di questa più radicale e complessiva riorganizzazione di tale vitale comparto, merita dunque di essere evidenziata per la “boccata d’ossigeno” che rappresenta, con inevitabili ricadute positive per l’offerta sanitaria ai cittadini calabresi”.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner